username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Raffaele di Ianni

in archivio dal 03 mag 2011

02 maggio 1983, Gaeta (LT)

mi descrivo così:
...o poesia o la corda di violino appena sfiorata dall'animo che fugge...

04 aprile 2013 alle ore 16:01

Grigio silente

Nei fuochi di questo giorno
silenziose le mura grigie
stanno, circondato lo sguardo
che si arrampica nelle solitudini
di una strada, di una placida ora.

E fugge libera certezza
di catene ai coraggiosi intenti
più alti dei monti di Vorrei
abissale dove l’atto non si consuma.

Attoniti cosi, dalla voce moderna
cessata e stanca, che sottolinea
argomenti d’inferno e pungenti
ed esalta sopite sensazioni
di essere una virgola
tra una vita e l’altra.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento