username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Raffaele Vertaglia

in archivio dal 14 dic 2007

07 gennaio 1958, Napoli

segni particolari:
Amo la vita, l'Amore, la musica classica, leggere tanto e scrivere le sensazioni che ne traggo.Non ho spazzole che "sparano" 100 colpi a notte per lenire le voglie di ninfomanie adolescenziali; né uso il pettegolezzo per accattivarmi le masse, ho solamente il cuore e la coscienza.

mi descrivo così:
Sono perché penso. Il mio pensiero é vita e dalla vita traggo sempre per descrivere i pensieri che nascon dalle cose. Dalle più orridi alle più odorose.

27 luglio 2009

Pecché (Perché)

Pecchè.               Perché.

Pecché me faccio male Perché mi faccio male
penzanno à nù passato pensando ad un passato
ca nun'è cchiù dò mio. che non è più il mio.

Ormai 'e chillu tiempe Ormai di quel tempo
nun fanno cchiù demmore non fanno più rumore
è llacréme cucente è chist'Ammore.  le lacrime cocenti di quest'Amore.

Ma nun 'nce pozzo fà Ma non ci posso fare
niente pé niente,         niente per niente,
martella ogni mumente nù pensiero. martella ogni momento un pensiero.

Annascuse, nà lacrema me spia, Di nascosto, una lacrima mi spia,
e chiane, senza pressa, e piano, senza fretta,
ò dulore cchiù doce, se fà via. il dolore più dolce si fa via.

Chesta rarità, lucente é sole, Questa rarità, lucente di sole,
vulésse rialà à nù ricordo vorrei donare ad un ricordo
e dirle suspiranno: e dirle sospirando:
...é te, ie nun me scordo! ...di te, io non mi scordo!

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento