username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Raffaele Vertaglia

in archivio dal 14 dic 2007

07 gennaio 1958, Napoli

segni particolari:
Amo la vita, l'Amore, la musica classica, leggere tanto e scrivere le sensazioni che ne traggo.Non ho spazzole che "sparano" 100 colpi a notte per lenire le voglie di ninfomanie adolescenziali; né uso il pettegolezzo per accattivarmi le masse, ho solamente il cuore e la coscienza.

mi descrivo così:
Sono perché penso. Il mio pensiero é vita e dalla vita traggo sempre per descrivere i pensieri che nascon dalle cose. Dalle più orridi alle più odorose.

22 settembre 2009

Tùrmiento antico

Sùle ò penziero m'ajuta e me susténe
si penzo a te, me volle ò sanghe dint'è vvene.
A seppurtà ò juorno pè gghiuorne
nà malatìa cucente me assutterra
me struje d'ò turmìente è 'nziria.
Nàpule è luntana.
Napule, vita mia.
Nun'me basta cchiù meza parola
miezu surrise, una carezza.
Me manche sule tu e giovinezza;
Tu allera ride, je luntano tremmo,
tu cante Ammore, je chiagno chillu sole;
tu ride e pazzìe, je me faccio ò sanghe amaro,
ma sulo à sera, se calmano è penzìere
à luna splenne e je 'nzerranno ll'uocchie
è veco tutta quanta à città mia,
dint'à nù muorzo è suonne, è pucundria.

17-09-2009

*****************

Tormento antico

Solo il pensiero mi aiuta e mi sostiene
se penso a te, mi bolle il sangue nelle vene.
A sopportare il giorno per i giorni
una malattia cocente mi sotterra
mi logoro di tormento e capriccio.
Napoli è lontana.
Napoli, vita mia.
Non mi basta più mezza parola,
mezzo sorriso, una carezza.
Mi manchi solo tu e giovinezza;
Tu allegra ridi, io lontano tremo,
tu canti l'Amore, io piango quel sole;
tu ridi e giochi, io mi faccio il sangue amaro,
ma solo la sera, si calmano i pensieri
la luna splende ed io chiudendo gli occhi
e vedo tutta quanta la città mia,
dentro ad un morso di sonno, è ipocondria.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento