username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Raymond Queneau

in archivio dal 28 apr 2007

1903, Le Havre

1976, Parigi

segni particolari:
Divenni famoso in Francia con la pubblicazione nel 1959 del mio romanzo "Zazie dans le métro", e con il successivo adattamento cinematografico di Louis Malle del 1960 ai tempi della cosiddetta nouvelle vague della cinematografia francese.

mi descrivo così:
Sono stato un poeta e narratore francese.

03 maggio 2011 alle ore 15:39

I fiori blu

di Raymond Queneau

editore: Einaudi

pagine: 278

prezzo: 9,35 €

Acquista `I fiori blu `!Acquista!

Con un incipit quasi leggendario ("Il venticinque settembre milleduecentosessantaquattro, sul far del giorno, il Duca d’Auge sali in cima al torrione del suo castello per considerare un momentino la situazione storica. La trovò poco chiara.") Queneau ci proietta in un tempo storico e al contempo onirico, da dove origina il romanzo "I fiori blu". Il duca d’Auge, co-protagonista del libro, attraversa la Storia comparendo di capitolo in capitolo in epoche diverse (ad intervalli di 175 anni, come osserverà Italo Calvino nella post-fazione all’edizione italiana da lui tradotta), intervallando le sue vicende a quelle di Cidrolin, personaggio contemporaneo, parigino residente su una chiatta immobile ormeggiata sulle rive del Quai. All’addormentarsi dell’uno compare l’altro, personaggi speculari (anche per via delle figure e delle storie che li circondano) o proiezione onirica l’uno dell’altro: ma è il passato a sognare il futuro o il futuro che sogna il passato?

L’opinione diffusa su "I fiori Blu" lo vede come un romanzo incentrato sullo sfaldamento della storia, ma al di là dei temi certo ricorrenti della storia e del sogno ("Rêver et révéler c’est à peu près le même mot", si trova ad un certo punto del romanzo…) "I fiori blu" sono anche un grande divertissement, un libro in cui Queneau ha dato prova delle sue capacità di giocare non soltanto con la lingua ma anche con la trama e con l’ipertesto, attraverso i numerosi riferimenti alla quotidianità. Si va dalla citata frase che rimanda alla psicanalisi e all’interpretazione dei sogni, ai riferimenti alla linguistica ("Io chiamo così una così quindi la cosa viene chiamata così, e dato che è con me e non con un altro che lei sta parlando in questo momento, le conviene prendere le mie parole nel loro aspetto significante", cit.), come pure ai tanti giochi di nomi e di parola che rimandano a episodi o personaggi coevi a Queneau.

La straordinaria abilità di Queneau di lavorare sul linguaggio lo rende un autore che andrebbe letto sempre in lingua originale, ma la traduzione che ne ha fatto Calvino reinventa espressioni e giochi linguistici, rendendoli pienamente apprezzabili anche al lettore italiano. 

recensione di Alessandra Gorlero

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento