username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • Recensione contiene
  • Nome autore

Recensioni

“Pensare prima di parlare è la parola d'ordine del critico. Parlare prima di pensare è quella del creatore”
Edward Morgan Forster


Protagonisti di questa pagina sono i libri dei nostri autori e quelli di nomi celebri; se anche tu hai pubblicato un libro e vuoi farlo recensire, chiedi alla Redazione cosa fare.
Se invece ti piace scrivere recensioni, scopri come entrare a far parte del Comitato dei lettori.

elementi per pagina
  • “La migliore immagine di me/resterà tra gli scogli,/come limpida atmosfera/che affida il suo abbraccio/alle nubi”. È proprio quest’atmosfera che si respira tra le pagine di questo libro di poesie. Fine e introspettiva, riflessiva ed esplosiva Michela Zanarella.
    Il talento di frammentare le emozioni è nel suo paniere di scrittrice, la capacità di ricerca velata dei mille volti di un’anima è qualcosa di connaturato alle corde scrittorie della Zanarella. L’autore e la persona vanno alla ricerca dell’espressività, della multiformità dell’anima: componente per nulla astratta nelle pagine di questo libro.
    Serpeggia in questa raccolta un atteggiamento comune a molti poeti, nel voler dimenticare se stessi e ciò che sta intorno a loro, per riscoprire il tutto nella sua essenza primitiva. Quell’ignoranza primordiale, che altro non è che il semenzaio di una poesia sincera e infinita. Sincera nell’abitare i suoi spazi, entrando in empatia con loro; vivendoli, possedendoli e regalandogli un’anima. Così anche gli spazi, le situazioni, le immagini, acquisiscono un’entità umana, acquisiscono un sentimento attraverso il quale assumono un’espressione: la poesia di Michela Zanarella.

    [... continua]
    recensione di Paolo Coiro

  • In questo bel libro di racconti emergono le varie alternanze legate allo scorrere della vita e, quindi, vi troviamo spesso la decadenza dei nostri giorni, ma anche un pizzico d’illusione legata alla dolce ingenuità di alcuni personaggi come, per esempio, il timido ma introspettivo professor Rossi, che preferisce il suo mondo fatto di parole e filosofie piuttosto che sprofondare nel degrado morale dei nostri giorni.
    Non possiamo, inoltre, tralasciare i malesseri giovanili e le utopie che, essendo tali, non troveranno mai realizzazioni o conferme.
    L’Autore vive a contatto con la realtà cruda della nostra epoca, ma non disdegna di lasciarsi andare a qualche innocente sogno di un mondo, se non proprio migliore, almeno non del tutto nero e invivibile.
    Perciò, i protagonisti delle storie di Pier Luigi Tizzano percorrono, spesso, strade oniriche per star bene e aiutarsi a superare i momenti difficili, proprio come facciamo tutti noi.

    [... continua]
    recensione di Antonio Colosimo