username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • Recensione contiene
  • Nome autore

Recensioni

“Pensare prima di parlare è la parola d'ordine del critico. Parlare prima di pensare è quella del creatore”
Edward Morgan Forster


Protagonisti di questa pagina sono i libri dei nostri autori e quelli di nomi celebri; se anche tu hai pubblicato un libro e vuoi farlo recensire, chiedi alla Redazione cosa fare.
Se invece ti piace scrivere recensioni, scopri come entrare a far parte del Comitato dei lettori.

elementi per pagina
  • Il mare e le sue stagioni. La vita e le sue stagioni. Rispecchiare se stessi in un limpido blu di un mare caldo di Agosto o mischiare le proprie lacrime con gli spruzzi delle onde di una mareggiata d’inverno.
    È questo “Il blu silente”, il mondo di Jason Forbus, scrittore giovane e raffinato, che suddivide questa sua raccolta di poesie in stagioni, dell’anima, più che dell’universo. Ma la sua anima è un universo su cui galleggia; un universo fatto di acqua, di questo mare silenzioso che ascolta le nostre paure, le nostre delusioni, quel nostro aggrapparci alla vita di ogni giorno.
    L’abilità di Forbus sta proprio nel comunicare con questa figura onnipresente del mare. Carpire il ritmo, e addentrarsi nello stesso respiro dell’immensa distesa di acqua, per domandare ai fondali più oscuri, il vero senso di tutti i passaggi obbligati di una vita.
    Lui che si definisce “né pescatore, né marinaio né pirata”, vive rigonfio di passione, le varie stagioni di se stesso, rispecchiandosi, ogni qual volta ne ha bisogno, in un’armonia universale: fatta di un fluire di onde lente e acqua salata.
    Jason Forbus è un autore sincero nei confronti della poesia, che scandisce i passi della sua vita. Cosciente che tutte le stagioni vanno attraversate. Ma è emblematica la chiusura di questo ciclo, con due stagioni che sono sangue e aria per uno scrittore: la stagione dei sogni e quella dei miti.
    Il mito di perdersi in un blu silente ogni qual volta lo si desidera, il sogno di sentirsi quel “fanciullo lontano” raccontato in una delle ultime pagine del libro:
    Sulla mia isola abitava un fanciullo un po’ strano. Non aveva un nome, né un posto dove andare. La notte dormiva al faro e sognava il mare […]

    [... continua]
    recensione di Paolo Coiro