username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Riccardo Querciagrossa

in archivio dal 16 dic 2005

02 ottobre 1975, Forlì

mi descrivo così:
Sono laureato in lettere e storia, amo leggere e scrivere, e mi sto specializzando per diventare insegnante. Oltre alla letteratura amo la musica, l'arte, la storia, la filosofia e le discipline umanistiche in generale.

27 gennaio 2006

Le tenebre

Il tramonto sanguinava lento poco fa,

ora sfumano i contorni nel cobalto,

nell’oltremare concavo, nell’indaco,

nei passi freddi delle tenebre, e in alto

occhieggiano gli arcani irraggiungibili.

Davvero finisce tutto qui? Si spegnerà

la luce e poi più nulla, buio tutto,

come adesso, in una notte inutile,

dopo un giorno sterile. Non resterà

una traccia del sospiro oggi perduto

alla rincorsa di non ricordo più che cosa.

E già le tenebre ci avvolgono: obliato

nel sonno, il dolore almeno s’addolcirà.

Commenti
L'autore ha scelto di non ricevere commenti