username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Rita Stanzione

in archivio dal 08 gen 2010

02 febbraio 1962, Pagani (SA) - Italia

30 dicembre 2011 alle ore 18:13

Estensione ad alta voce

Ho immaginato pene che non bastano
flagellanti colpi di parole
e sentito ululare il vento al posto mio
Non capisco quel che fa male di più
la pelle non sfiorata o i bacini esistenziali

Metto in fila ordinata i peccati
presunti e insubordinati
conto e riconto quante volte
m’è piovuto addosso
e mi sentivo asciutta

Alla fine voglio restare così
vagamente sbilanciata
da un’ingenua aspettativa
di parto indolore

mi innaffio le radici
e aspetto che sgorghi la clorofilla

Dentro ho tenuto intatto
tutt’un prato di fiori spontanei
posso ben disertare
posso... vero?

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento