username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Rita Stanzione

in archivio dal 08 gen 2010

02 febbraio 1962, Pagani (SA) - Italia

16 agosto 2011 alle ore 16:48

PianoForte

Supinamente sparsa
tra lenti battiti mi accoccolo
sono il riverbero di un piano
attore di silenzi e gridi
La grandine delle note batte
può bucare il muro
un accordo si svincola dalle dita
mi rintraccia, rompe il velo
che mi galleggia addosso

Precipito!
non voglio aprire
porte nascoste…non ora
Maldestra
ancora ti aggrappi al tempo
Lasciati andare…
spegni le voci
di equivoci già sepolti

Piano... adesso vivi piano
eterea fuga di calore...
sei tu il rincorrersi dei tasti
ti vuole, l'anima del piano
Forte... lasciati possedere
manda in alto un acuto
simile a un canto
di piacere

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento