username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Rita Stanzione

in archivio dal 08 gen 2010

02 febbraio 1962, Pagani (SA) - Italia

27 gennaio 2010

Viaggio

Cavalco la sera
verso il richiamo
di parole già scritte
e di melodie
che s’alzeranno per me.


L'aria m’assorbe
ed io l’assaporo...
brezza in un giorno stagnante
la carezza sul collo.


Rincorro un arcobaleno notturno
d'indaco 
abbaglia i miei occhi:
mi lascio rapire.


Sorvolo le acque che pulsano
onde e correnti
mi spingono i sogni
oltre i respiri.
E’ un’isola solitaria
che ora calpesto.
Dalla sabbia
raccolgo conchiglie
con l'eco di suoni
incantatori di sensi.
Le mani creano velluti
dove riporre emozioni.
Si librano tra le mie fantasie 
e una poesia
nasce e vive.


Nei versi mi perdo…
Mi ritrovo
oltre ogni stagione
ogni giorno qualunque
sulle orme leggere
lasciate dalla libera fiera
ch’è in me.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento