username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Salvatore Castaldo

in archivio dal 27 apr 2011

09 ottobre 1961, Napoli - Italia

mi descrivo così:
Ricercatore

29 maggio 2011 alle ore 21:18

Contrasti

Il tuo fantasma non mi dava tregua,

sono scappato al mare.

Vento, freddo e sabbia negli occhi.

Pochi passi poi, pensieri di guerra.

Ho preso a calci tutto ciò che incrociavo:

lattine, rami, gusci di conchiglie già spezzate;

barche ormeggiate.

Ho pianto forte,

disperatamente fino alle convulsioni,

piegato su me stesso.

All’orizzonte solo alcune piccole luci: le stelle.

Sotto era mare, lo sapevo.

Nero il loro punto d’incontro, come l’inchiostro,

come il nostro.

mi sono lanciato in una corsa,

una strana corsa con forti urla,

come una follia.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento