username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Salvatore Castaldo

in archivio dal 27 apr 2011

09 ottobre 1961, Napoli - Italia

mi descrivo così:
Ricercatore

26 maggio 2011 alle ore 17:58

Dell'Amore

Guardami ti prego, guardami più spesso!
Solo così percepisco di avere un’identità,
la nostra.
Conosci le frequenze delle mie vibrazioni, già.
Abbracciami un po’ e baciami e stringimi , strofinati .
Lasciami respirare i capelli, la pelle, il divino.
In quest’avvinghio di ricerca ruotiamo in armonia,
davanti alla fessura della nostra mente e
siamo liberi, veri, teneri e idioti.
Follia!
Voglio assimilarti interamente dentro di me come un fagocita,
perché questo è il puro e incomprensibile istinto.
Flussi d’energia trasparente scorrono veloci,
attraverso i binari delle pupille, come un file scompattato
con quell’unica fissa espressione possibile.
Ancora più forte, ancora più veloce, siamo qualcosa!
Conosciamo l’essenza, la scomposizione molecolare,
l’immenso oceano madre di queste piccole gocce perlate.
E soffro, e rido, e piango, e maledico tutti quelli che ci credono, tutti quelli che non ci credono.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento