username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Salvatore Di Giacomo

in archivio dal 04 mag 2007

1860, Napoli

1934, Napoli

segni particolari:
Tra le tante canzoni di successo di cui ho scritto il testo ci sono: "Marechiaro", "Era de maggio", "Luna nova", "Palomma 'e notte", "Carulì".

mi descrivo così:
Poeta, drammaturgo e saggista napoletano, autore di molte notissime poesie in dialetto (molte delle quali poi musicate) che costituiscono una parte importante della cultura popolare partenopea.

04 maggio 2007

Marechiare

Quanno sponta la luna a Marechiare
pure li pisce nce fann' a l'ammore,
se revotano l'onne de lu mare,
pe la priezza cagneno culore
quanno sponta la luna a Marechiare.

A Marechiare nce sta na fenesta,
pe' la passione mia nce tuzzulea,
nu carofano adora int'a na testa,
passa l'acqua pe sotto e murmuléa,
A Marechiare nce sta na fenesta
Ah! Ah!
A Marechiare, a Marechiare,
nce sta na fenesta.

Chi dice ca li stelle so lucente
nun sape l'uocchie ca tu tiene nfronte.
Sti doje stelle li saccio io sulamente.
dint'a lu core ne tengo li ponte.
Chi dice ca li stelle so lucente?

Scetate, Carulì, ca l'aria è doce.
quanno maie tanto tiempo aggio aspettato?
P'accompagnà li suone cu la voce
stasera na chitarra aggio portato.
Scetate, Carulì, ca l'aria è doce.
Ah! Ah!
O scetate, o scetate,
scetate, Carulì, ca l'area è doce.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento