username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Salvatore Di Giacomo

in archivio dal 04 mag 2007

1860, Napoli

1934, Napoli

segni particolari:
Tra le tante canzoni di successo di cui ho scritto il testo ci sono: "Marechiaro", "Era de maggio", "Luna nova", "Palomma 'e notte", "Carulì".

mi descrivo così:
Poeta, drammaturgo e saggista napoletano, autore di molte notissime poesie in dialetto (molte delle quali poi musicate) che costituiscono una parte importante della cultura popolare partenopea.

04 maggio 2007

Marzo

Marzo: nu poco chiove
e n’ato ppoco stracqua
torna a chiovere, schiove,
ride ‘o sole cu ll’acqua.

Mo nu cielo celeste,
mo n’aria cupa e nera,
mo d’’o vierno ‘e tempesta,
mo n’aria ‘e Primmavera.

N’ auciello freddigliuso
aspetta ch’esce ‘o sole,
ncopp’’o tturreno nfuso
suspireno ‘e vviole.
 
Catarì!…Che buo’ cchiù?
Ntiénneme, core mio!
Marzo, tu ‘o ssaie, si’ tu,
e st’ auciello songo io.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento