username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Sandro Spallino

in archivio dal 19 mag 2008

13 ottobre 1971, Ribera

mi descrivo così:
Poeta immaginifico

19 maggio 2008

Controvetro

Vedo che controverto mi
guardi, io sto sotto e
faccio per andare via,
il sole è un muto cristallo
mentre il sangue affluisce
alle tempie e le tue
parole restano padroni
nella mia testa, i tuoi
occhi penetrano nelle
mie lacrime di fango
e sempre più mi allontano
sull’asfalto di polvere
e caldo, tutto si muove
ovunque è vita, io sono
l’unico punto fermo,
inadeguato, vedo arancio,
bianco, forse uno strappo,
unghie, cosce, poi non
so quando amai te, perché.
Non sei visibile più
appena un puntino scuro
che immagino senza
quella strana faccia,
vado come deformato,
ho una valigia piena d’amore
e d’ozio, un’anima spaccata,
ti amo, le mie scarpe ti
amano da sopra i ponti che
non attraverso, verrò da te
per non farmi più guardare
da una finestra e vedere
il futuro, la scena del bacio,
ma per bere l’amore dal
tuo corpo di bottiglia
scavato, sudato.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento