username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Sandro Spallino

in archivio dal 19 mag 2008

13 ottobre 1971, Ribera

mi descrivo così:
Poeta immaginifico

19 maggio 2008

Delirio

Il mio nome è un altro,
guardo il soffitto tappezzato di
umidità,macchie di una
malattia che fa sbandare i
neuroni in presenza di scale,
mi piacerebbe spogliarti qui
con questo freddo che abbaia
come un cane rognoso, sedotta
da un quadro di nudità vedo
quasi piangi dalla voglia,
hai un sorriso liquido, il
rossetto è sangue che
imbratta le pareti, una lussuria
che allarga le vene, metto le mani
sulle tempie, dietro le tende
scrosciano le tue ossa gialle,
si staccano le parole dal giornale
che strappiamo con i corpi
a terra, da dentro una canzone
ti parlo, mordo le caviglie
gocciolanti e il
piede nervoso d’amore
ossessiona, vedo un bisturi
una stanza di ospedale,
la parola scritta nera
in fondo a  un corridoio
troppo bianco "chirurgia",
uno svenimento che sento
tutto nelle orecchie che si
gonfiano spaventosamente, poi
niente, niente di reale,
sono solo col tavolo e i
piatti lasciati al futuro,
mi alzo e vado spettinato
figlio della fortuna.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento