username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Silvana Poccioni

in archivio dal 23 apr 2007

29 agosto 1949, Rocchetta A Volturno (is)

segni particolari:
Maniacale convinzione che la memoria sia il bene più prezioso che l'uomo possiede.

mi descrivo così:
Sono nata nella Centrale ENEL di Rocchetta a Volturno e vivo dal1983 ad Agnone, in Molise. Ho pubblicato nel 2002 il mio primo volume "In fondo al mattino" per le Edizioni Eva, nel 2008 "Quare id faciam", per la collana "La stanza del poeta", a cura di G.Napolitano e il

09 novembre 2014 alle ore 11:40

Più non ricordo in quale giorno

Più non ricordo in quale giorno
accecati dal sole o dalla nebbia
quasi fanti sbandati senza guida
assordati dai colpi di un nemico sconosciuto
l’errore e l’illusione m’ ingoiarono la mente
annientarono pian piano col miele dell’inganno
le già deboli difese e trafissero l’acciaio degli scudi.  

Quanta ombra si distese sulla cenere dell’alba!
Quante nere bestemmie nella notte
senza luce e senza oblio!

Mi pareva il rosso del tramonto quel papavero vizzo
ingannevole fiore di tristezza.
Mi pareva purezza di fonte e non putridume di fogna
quel nettare amaro di cui ricolmavo i miei calici vuoti.

E mia madre a guardare i miei occhi perduti
mio padre a gridare il rancore
le orecchie incapaci di udire
l’incolmabile vuoto d’inutili giorni
impegnati soltanto a cercare quell’attimo breve
insetto nefasto ronzante
annidato in un angolo nero in fondo al cervello.

Nel mio labirinto le urla assordanti del toro del mito
l’assenza del filo di Arianna
un varco cercato con mille espedienti
e mai ritrovato
i voli di Icaro sempre più audaci
a bruciarmi le carni le vampe del sole
i gorghi profondi a privarmi dell’aria.

Ma bene ricordo quel giorno a noi destinato
in cui il tuo amore stupito entrò nei miei sogni
e con te ritornai nella vita, risalii le colline
mi ubriacai di albe e tramonti
baciai i tuoi piccoli piedi e le mani pulite
fragranti di pane appena sfornato
guadai mille fiumi per giungere al porto
né più temo il toro del mito
adesso che stringo nel pugno il tuo filo.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento