username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Stefano Centrone

in archivio dal 19 dic 2011

02 febbraio 1968, Basilea - Svizzera

segni particolari:
Mi ritengo una persona tranquilla.
Odio chi fa del male ai bambini, alle donne, agli animali.
Odio molto la politica e tutti quei mangia mangia che ci sono.

mi descrivo così:
Sono un operaio da sempre. Ho iniziato a scrivere poesie nel lontano 1997. Vivo dall'82 in provincia di Reggio Nell'Emilia, terra che ho apprezzato ad amarla col tempo. Sono felicemente sposato e padre di due bei bimbetti. A settembre del 2012 ho pubblicato il mio primo libro.

22 gennaio 2013 alle ore 18:51

Auschwitz

Quel fumo sale alto,
e sale alto anche il tuo sorriso.
E nel cielo si disperde,
come nuvole al vento.
Il silenzio che rivivo
lascia segni di dolore.
Come un colpo forte al cuore,
lascia senza parole.
E ha senso questa vita,
se noi tutti dobbiam morire,
trasportati da quel fumo?

Ora non so come spiegare
questo mio piangere in silenzio.
Ora non so cosa vivere
sapendo che la vita
in un’attimo svanisce.
Ora non so cos’altro osservare
dopo aver visto i tuoi occhi morire.
Ora non so cos’altro sentire
dopo aver sentito parlare il tuo silenzio.

Anno di stesura, 22/01/2013 - Inedita.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento