username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Stefano Centrone

in archivio dal 19 dic 2011

02 febbraio 1968, Basilea - Svizzera

segni particolari:
Mi ritengo una persona tranquilla.
Odio chi fa del male ai bambini, alle donne, agli animali.
Odio molto la politica e tutti quei mangia mangia che ci sono.

mi descrivo così:
Sono un operaio da sempre. Ho iniziato a scrivere poesie nel lontano 1997. Vivo dall'82 in provincia di Reggio Nell'Emilia, terra che ho apprezzato ad amarla col tempo. Sono felicemente sposato e padre di due bei bimbetti. A settembre del 2012 ho pubblicato il mio primo libro.

20 giugno 2013 alle ore 16:08

La nostra sofferenza

Sentirai urlare questa notte.
È il mondo che soffre.
E tu, non dormirai.
Il dolore è anche tuo.

Sentirai grida di fanciulle,
perseguitate da un destino
che non conoscono.

Sentirai pianti di bambini
che non han carezze
sui loro visi, ma solo
lacrime di sangue.

Sentirai il pianto di una donna,
chiedere aiuto.
E la sentirai, infine,
tirar fuori il suo ultimo respiro:
è il respiro della morte.

Sentirai le sirene della polizia,
inseguire il male che fugge.
E nel fuggire, ahimè,
si nasconderà nelle nostre case.

Sentirai dispiacere e odio
in tutto ciò che noi facciamo
e che abbiam fatto.

Sentirai….,
e tu, non dormirai.
Non dormirai, poiché tutto ciò
che avrai sentito in questa notte,
è la tua…, ma anche la mia sofferenza.

Anno di stesura, 07/06/2013

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento