username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Stefano Colli

in archivio dal 04 gen 2010

11 ottobre 1970, Grosseto

mi descrivo così:
Sono una persona riservata ma aperta a nuove conoscenze. Amo la poesia, detesto la superficialità e il menefreghismo imperante del mondo odierno. Vorrei condividere i miei interessi e i miei valori con persone degne e vive... dentro.

26 dicembre 2012 alle ore 12:52

Si sta facendo tardi

Si sta facendo tardi, la sera
incipiente accarezza la polvere
di ore su cui è calato il silenzio
nascoste nella penombra dell’esilio.
Quando il crepuscolo confonde le sagome
e la pace avvolge le dimore dei morti
la memoria ruba la scena alla luce
di un altro giorno vissuto sulla soglia.
Si sta facendo tardi, sempre
più tardi e i miei versi
sono come le gocce di pioggia
che bussano sulle finestre del tempo
impalpabili sull’asfalto dell’estate.
Essi sono il nudo testamento
scritto sulla polvere dei giorni
che non restituisce mai le sue prede
affondate nell’abisso del non detto.
Non riempiranno la parte mancante
della clessidra scandita dalle ore
i miei versi cadenzati e lenti
non potranno sconfiggere la morte
ma forse sorridere alla sera
e decifrare le trame della sorte
confessione che si schiude alla vita
come corolla che si disvela a primavera.
Prima che gli alberi restituiscano le ombre
un minuto prima che sia tardi
la poesia veglierà sulle mie sere
come luce di una nuova redenzione
e spoglierà ogni istante battuto dal vento
della patina coriacea dei rimpianti
suggello di questo mio presente
come se fosse eterno.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento