username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Stefano Di Lorito

in archivio dal 23 giu 2008

31 dicembre 1963, Genova

13 agosto 2009

Contenitore per anima

Intro: Ormai la medicina ha fatto passi da gigante, ma chi si aspetterebbe nel futuro di poter parcheggiare la propria anima in un posto sicuro in attesa che il corpo venga curato e rimesso a nuovo? Tenete d’occhio gli annunci, tra un po’ si potrebbe parlare di “CPA”.

Il racconto

"Contenitore per anima, vendesi. Quasi nuovo, garanzia eterna. Colore blu metallico. Completo di tracolla e filtro."
L’offerta mi aveva tentato, il prezzo era senz’altro vantaggioso. Il CPA è l’unico articolo che vale di più usato che nuovo, per l’ovvia ragione che se è stato usato e svuotato vuol dire che funziona, e se funziona è eterno, praticamente, salvo ovviamente manomissioni o danni.
I CPA, per qualche strano motivo, pure essendo fabbricati tutti con una tecnologia, materiali e standard identici, non funzionano tutti. La percentuale dei TPA, i cosiddetti Tombe Per l’Anima, è orribilmente e irrimediabilmente alta, quasi il 15 per cento. Un TPA imprigiona l’anima, per l’eternità. Pare che sia un problema quantistico, anche se la percentuale di apparecchi difettosi è superiore a quella di qualunque altro manufatto.
Chi accetterebbe di farsi custodire l’anima in un involucro non sicuro?
E’ una roulette russa usare un CPA nuovo, non collaudato.
E i collaudatori sono pochi, anche se pagati cifre favolose.
Io ero uno di questi. Un collaudatore di quelle che tra noi chiamavamo semplicemente “le bare”, per scaramanzia.
L’ho fatto per 3 anni, un collaudo al mese. Oramai ero ricco, potevo permettermi di passare il resto della vita in agiatezza, a 40 anni.
Non sono molte le persone disposte a farsi travasare l’anima una volta al mese, dal proprio corpo al contenitore e viceversa.
A me era andata bene. 35 travasi, tutti a buon fine.
Il problema è che, nel frattempo nonostante sia ancora giovane, mi sono ammalato gravemente.
Le cure costeranno molto e richiedono un travaso d’anima, e quindi un contenitore mio.
Il CPA è un articolo per ricchi, molto ricchi. Così come i corpi di ricambio, anche se quelli si trovano facilmente, muore o scompare tanta gente ogni giorno.
Mi è stato chiesto spesso, cosa si prova a non avere l’anima per alcune ore. Beh, è come dormire, ci si ricorda soltanto dei sogni che si stavano facendo al risveglio, per il resto nulla.
Ho acquistato il CPA. Me lo consegneranno oggi pomeriggio a domicilio, con molta discrezione, è l’articolo più prezioso della storia umana.
Quando sarò pronto al travaso, per la prima volta in vita mia un travaso sicuro, andrò alla clinica del dottor Ridley. Gli lascerò in custodia la mia anima e il mio corpo, separatamente, la prima per essere conservata, il secondo per essere curato.
Ho scelto di curare il mio corpo originale, invece di cercarne uno nuovo, perché ci tengo alla mia persona. Sono abbastanza bello, alto e atletico, vale la pena recuperarlo. Inoltre la nano-tecnologia me lo renderà perfino migliore di prima. Fegato nuovo, reni nuovi, pancreas nuovo.
Ricomincerò a vivere, un po’ meno ricco di prima, ma finalmente libero e sano.
Dopo essermi venduto l’anima per 35 volte, credo di essermelo meritato.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento