username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Stefano Gabbiani

in archivio dal 19 gen 2009

14/03/19??, Torino

19 gennaio 2009

Tenebre calde

Agli occhi rosso di
terra, di cielo
in tenebre calde,
un ibrido orizzonte
che si scioglie
nelle viscere assorte.
Branchi di palme dolci
e vivi lamenti rimbombano
nell’eterna veglia.
In lontananza si posa
il mio divagar sul nulla
mentre tu sei già
l’ancora sottrattami
da stormi rapaci ancora
in fuga senza tonfi
ma per lancinanti
flussi disarmonici.
Grasse risa,
sbalzi di colore,
luci di un’età di cui
non colgo il tempo,
annegano la mia
zoppa discesa in
una cappa densa,
senza uscita.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento