username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Tom Kennerly Wolfe

in archivio dal 07 set 2011

02 marzo 1931, Richmond - Stati Uniti

14 maggio 2018, New York - Stati Uniti

segni particolari:
Vengo considerato il padre del "New Journalism", un innovativo stile giornalistico che si sviluppò nei primi anni sessanta in America in cui le tecniche giornalistiche si fondono con quelle narrative del romanzo, allo scopo di attirare maggiormente l'attenzione del lettore.

mi descrivo così:
Sono giornalista e scrittore statunitense, autore di saggi, romanzi e narrativa in genere.

07 settembre 2011 alle ore 17:59

Io sono Charlotte Simmons

di Tom Kennerly Wolfe

editore: Mondadori

pagine: 777

prezzo: 9,78 €

Acquista `Io sono Charlotte Simmons`!Acquista!

Charlotte ha appena terminato il college, e grazie alla sua bravura ha ottenuto una borsa di studio in una prestigiosa università. Tra l'euforismo e i complimenti dei parenti lascia il suo paese di periferia e si trasferisce a Dupont. Appena giunta a destinazione, fa la sua prima conoscenza: la sua compagna di stanza. Bella, aspetto curato, ogni tipo di confort a disposizione: il suo mondo sembra perfetto, come perfetto sembra l'ambiente universitario. Ma, trascorsi pochi giorni, ecco che Charlotte deve scontrarsi con un mondo che fino ad allora aveva ignorato, un mondo fatto di snobbismo (come quello della sua compagna di camera nei confronti di una povera ragazza di paese), di uscite notturne, di appuntamenti clandestini, di feste, di compromessi e di emarginazione. E mentre a casa tutti immaginano la Dupont come il regno della saggezza e della disciplina, Charlotte è costretta, ostacolata dalla sua ingenuità, ad inserirsi in quella realtà per lei così surreale, entrando a far parte di circoli sociali, in parte omologandosi ai suoi compagni, fino a perdere la sua identità di ragazza di paese, in una sorta di ascesa-discesa sociale (al lettore spetta la decisione), talvolta mettendo da parte anche la propria intelligenza. Scoprirà quindi che la sua università, prestigiosa quanto ambita (come i ragazzi che Charlotte frequenta quasi per caso) è la stessa che promuoverà Jojo solo perchè giocatore di punta della squadra di basket della scuola stessa...

Il libro -  che in apparenza spaventa per la mole -  in realtà scorre molto velocemente, sia per stile che per contenuti. La storia, infatti, non narra solo le vicende di Charlotte, ma descrive una fetta della gioventù americana, dimostrando una certa abilità dell'autore  nell'analizzare la società moderna.

recensione di Silvia Palombo

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento