username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Ugo Mastrogiovanni

in archivio dal 26 ago 2006

12 marzo 1936, Orria (SA)

mi descrivo così:
Mi diletto a scrivere poesie da quando ero al liceo. Dopo la laurea, la mia vena poetica è stata bloccata dal lavoro. Ora che sono a riposo... spero nei lunghi periodi di riflessione e nipoti permettendo per recuperare i giorni perduti.

16 luglio 2008

Ci sei ancora

Sbronzo d’incoscienza,
con rose di maggio e petali rossi
per ogni evenienza,
con occhi commossi
predavo ed offrivo l’amore.
Sbrigliato, senza pudore,
mietevo l‘ingenuo rossore
di messi dorate.
Immaturo, quasi avventato,
fino a quando non giungesti tu.
Come sole di notte,
attraente, saggia, prudente
e sei ancora qui, come allora,
la mia ultima spiaggia,
da cinquant’anni e tuttora
inverno e primavera,
costante a ricordarmi
quel tempo com’era:
piacente, allegro, un po’ crudele:
un rimpianto che non sarà più.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento