username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Ugo Mastrogiovanni

in archivio dal 26 ago 2006

12 marzo 1936, Orria (SA)

mi descrivo così:
Mi diletto a scrivere poesie da quando ero al liceo. Dopo la laurea, la mia vena poetica è stata bloccata dal lavoro. Ora che sono a riposo... spero nei lunghi periodi di riflessione e nipoti permettendo per recuperare i giorni perduti.

05 settembre 2006

La porta

Aperta o socchiusa ansima di noi
poi tace serrata.
Viavai della storia ne conserva la memoria.
Resta chiusa alla cattiveria,
tende l’udito alle lusinghe,
si dona alla miseria, sorride al vagito.
Fa passare i sogni della fanciullezza,
accarezza i passi della sposa,
riposa la coscienza.
Stanca del suo fardello d’esistere
cigola al passar del dubbio,
stormisce ai profumi di stagione,
s’inchina al passar della ragione,
e non resiste all’amore.
Il pensiero passa inosservato,
si chiude al dolore,
libera il passaggio alla sorte,
appende ghirlanda di spine
genuflette alla morte
patria senza confine.


Settembre 2005

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento