username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Ugo Mastrogiovanni

in archivio dal 26 ago 2006

12 marzo 1936, Orria (SA)

mi descrivo così:
Mi diletto a scrivere poesie da quando ero al liceo. Dopo la laurea, la mia vena poetica è stata bloccata dal lavoro. Ora che sono a riposo... spero nei lunghi periodi di riflessione e nipoti permettendo per recuperare i giorni perduti.

26 agosto 2006

Mia Madre

Il resto della chioma che,


castana un giorno,


le fu corona al volto pien di giovinezza,


oggi, lieve e d’argento, carezza la sua fronte stanca.


Bianca, delicata fronte,


che pensasti tanto


in su degli occhi tremuli e infossati,


oggi ancora non ti stanchi.


Cari, casti, venerati occhi,


qual lucerne brillate a dar la luce al viso:


un viso di venerande rughe


ch’al riso mai vidi chinato,


e bimbo fui io pure.


La rattristante, irremovibil tua lunga mestezza


quanti baci strappò alle mie labbra


e quante volte,


perché ti son di noia,


li rituffai nel core.


Oh madre,


il viver tuo qual pena al petto mio riserva!


Grande croce inchiodò destino agli anni tuoi.


Nel volto tuo


il supremo scultor


di Cristo vide la dolente Madre e il duol del mondo.


Sorridi oh mamma,


dato non fu di rattristarti sempre;


se cerchi nessun ti vende gioia, saria troppo costosa a noi,


me se tu cerchi, ma se tu scruti in te,


ne troverai un poco: un poco sempre c’è.

(1961)

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento