username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Ugo Mastrogiovanni

in archivio dal 26 ago 2006

12 marzo 1936, Orria (SA)

mi descrivo così:
Mi diletto a scrivere poesie da quando ero al liceo. Dopo la laurea, la mia vena poetica è stata bloccata dal lavoro. Ora che sono a riposo... spero nei lunghi periodi di riflessione e nipoti permettendo per recuperare i giorni perduti.

19 maggio 2008

Trovar riposo

Laddove il sol fugge dai fiori
per suscitar dall’erbe strani odori di terra
distendo le mie membra e mi riposo.
Sconosciuti aromi inconsueti godo,
mi serra il petto vita inesplorata e nuova
quasi disseta e mi ritempra
quest’odore d’ascesi.
Dalla crosta di cerro e da corteccia
ecco spuntare una formica
che s’accosta, percorre la mia mano,
piano titilla e passa;
snella trai rami la ghiandaia salta e se la spassa,
poi plana nell’erba e scava lì dove,
meraviglia, tra le foglie s'eclissa
una famiglia di chiodini.
Il ragno tesse la sua tela, esca prepara,
triste sorte di mosca, di zanzara che passando afferra;
dall’ombrelle d’anemone rosata
esce la vespa impollinata e scintillando vola;
iridescenti di metallo gli occhi
la crisopa sfoggia sulle foglie di viola;
frinisce la cicala sul fior di stecco;
sulla felce che il muschio ombreggia
sbava la lumaca e si riposa;
preda, palla di sterco spinge scarabeo;
lassù sui tronchi scoiattolo ondeggia
d’agilità fa mostra alternando il rosicare.
Cresta levata, valica la quercia la ghiandaia,
grida come poiana e come gatto frigna.
Profumo di zenzero e di spigo
di primule, viole e margherite,
inalo pervinche e biancospini,
mi castigo di verde e di natura,
della strana creatura che m’incanta
e di un uccello sconosciuto che canta.
Mentre il gorgoglio del rivo mi richiama
prendo la via di casa per tornare
quando m’accorgo che non è un ruscello
ma d’un beccafico il gorgheggiare.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento