username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Veniero Rossi

in archivio dal 05 dic 2015

01 luglio 1963, Roma - Italia

10 gennaio 2016 alle ore 14:53

Er gallo e ‘a fijia, Guendalina

<Insomma che st’ affa'?> Disse er gallo a‘la gallina nera(1) che se stava a imbelletta’ er rostro co’ rossetto.

E ‘a gallina ja rispose: <Aò, che voi? So’ cazzi mia!>, disse secca prima de scappa’ via tenenno l’ ali sollevate e annanno a semina’ scompio’ pe’r cortile.

<Ma allora nun capisci!>, disse er gallo ‘na vorta ch’a raggiunse d’appresso ‘a rete, ar recinto insomma:
<Stanno ariva’ momenti tristi - è vero. Però io conto che cià faremo!> Disse pe’ trattenella.
Co' tutti l’animali che ce stavano de fori, ‘sta gallinella nun sarebbe ita da nessuna parte!

E questa, guardanno ar genitore, co’ l’occhi verdi pitturati, e guancie rosse; jie disse: <Momenti tristi? A pa’ o so’ sempre stati! Nun c’è futuro. Nun c’è cammiamento! >

<Mejio!>, jia rispose er gallo, pensanno, che si era vero, potevano campa’ più a lungo.

A fijia dovette intui quarcosa, per ciò riprese a di’:
< A pa' questi ce spennano uno pe’ vorta!>.
Ma ‘a discussione stava a ‘n guajia’ tutto er comprensorio.
Perfino li purcini che s’erano svejiati, sbatteveno le ali, giranno preoccupati tutt’intorno. “E si se fosse saputa ‘a fine che fanno ‘na vorta adurti - sarebbe stato ‘n torto, inutilmente!”
Mettece che manco conoscono er natale, e vedi te, nasce, quanto po’ esse brutto!

<’a notte guardo in arto er firmamento!> Disse ‘a fijia gallina.
<Vojio ‘a libbertà! ‘na speranza. Nun posso vive chiusa dentro a ‘sta stanza.> E gettò ‘o sguardo attorno. Come a’ innica’ er chiostro..

<A fijia mia: te ci hai raggione!>, dovette ariconosce er gallo: Ma ‘a politica nun è ‘n opinione! Passano ‘l’anni e in ogni santa occasione, c’è chi ce tira er collo, è vero! Ma famosene ‘na raggione, perché “Er peggio, nun è mai morto!” E chi segue: è sempre peggio!>
Der resto erano così che annavano ‘e cose, armeno da quanno ch’ era scomparso Cristo, e pure co’ a resurrezione mica erano tanto mijiorate.”

<E no! ‘sti cazzi>, disse ‘a ragazza arzanno er becco:
<‘na bona vorta famo ‘a rivoluzzione!>
E se gettò addosso ar coltivatore entrato er giorno de pasqua ad arraffa’ le ova, ar grido: “Adelante! O victoria o muerte!”

By Veniero Rossi

1) Gallina dei Romani. Ne parla Plinio nella “Naturalis Historia” (X,146) in cui dice “Hadriani laus maxima”, esaltando le galline atriane per la loro fertilità. La gallina era pure ritratta sulle storiche monete romane di Atri tra il 4° e il 6° secolo a. c.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento