username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Vincent Cernia Vincenzo De Marco

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Vincent Cernia Vincenzo De Marco

  • 22 ottobre 2013 alle ore 21:54
    STRETTA A ME

    A te la mia testa, il mio respiro e il mio cuore, a te le mie lacrime e le mie risate, il mio esser pazzo e il mio esser vivo, a te che sei tutto!
    ...ti ho stretta a me, ovunque tu sia... Ovunque, ti ho stretta a me.... 
    -Vincent cernia-

  • 22 ottobre 2013 alle ore 21:53
    A MIA FIGLIA

    Scendono sole le lacrime 
    quando il ricordo si avvicina a un triste addio,
    scendono senza parlare
    come le cascate che si tuffano in acqua
    come le onde che sbattono su scogli tristi.
    Muti i singhiozzi prima della partenza,
    con gli occhi chiusi ti penso
    con gli occhi aperti ti vedo felice, inconsapevole tu,
    non sai la distanza sarà un lacerarsi di cuori
    una fitta
    come di spine e dolore.
    Tu che mi abbracci d'affetto
    tu che mi ascolti e sorridi
    tu che mi consoli parlandomi forte.
    Scendono sole le lacrime
    provi a fermarle 
    provi a bloccare questo stronzo dolore,
    il più brutto
    di distanza ancor più lontana
    di sentimento unico di figli e di padri.
    Sarò li
    ogni mio istante
    di testa e di cuore,
    sarò li
    ogni mio istante
    di mani e carezze
    di salti sul letto
    di giochi e risate.
    Scendono sole le lacrime
    quando il ricordo si avvicina a un triste addio,
    scendono
    mute
    stronze
    cattive.
    Muti i singhiozzi
    e grida il cuore
    e urla il mio dolore.
    Ti amo
    sia vicina
    ti amo
    pur lontana
    sei e sarai di fianco nel letto
    abbracciati io e te
    e guarderò il cuscino
    e accarezzerò il pensiero.
    -vincent cernia-

  • 22 ottobre 2013 alle ore 21:51
    EGOISMI

    L'egoismo rende l'uomo cattivo
    Lo rende cieco e avido
    Ipocrisia moderna
    Maschere di cera.
    L'egoismo rovina
    L'egoismo alla fine logora,
    Logora l'egoista stesso.

  • 22 ottobre 2013 alle ore 21:46
    PENSIERO

    Il mio pensiero vola oltre ogni ostacolo,
    fluttua,è leggero nell'aria.
    Racconta di storie passate
    e riallaccia periodi.
    E' futuro.
    Il mio pensiero corre veloce,
    più veloce del vento
    e si ferma
    e ragiona.
    Beve,fuma
    e felice canta stonato.
    Il mio pensiero
    è ubriaco.
    -VINCENT CERNIA-

  • 22 ottobre 2013 alle ore 21:45
    -PER TE-

    Basta un solo minuto
    Un solo sguardo
    Un sorriso strappato.
    Basta un parlar timidi Noi
    Semplicemente 
    Come un concerto d'autore
    Come un calice di vino
    Basta un solo minuto.
    Chiederti nulla
    Basta un sorriso
    Come di vento e fresco
    Come di tepore caldo in inverno
    Come De andrè che canta per me.
    Basta un sorriso strappato
    Un rubarti con gli occhi un istante.
    Basta questo, e felici i sogni
    E notti rilassate
    E lievi carezze
    E i capelli profumano di te
    Del tuo essere tu.
    Basta un solo minuto
    Un solo sguardo
    Un sorriso rubato.

  • 22 ottobre 2013 alle ore 21:40
    6 OTTOBRE

    Oggi anche il cielo piange
    Di separazioni e addii
    Di distanze e abbracci.
    Speranza di svegliarsi dai brutti sogni,
    E alzarsi, e giocare, e amarsi ancora.
    Oggi anche il cielo è triste
    Di saluti nuvolosi
    Di tuoni in cuore e lampi negli occhi.
    Speranze di squarci di bel tempo
    Sereni cieli e altalene sorridenti.
    Oggi anche il cielo piange
    Dei tuoi occhi belli
    Delle tue mani sul mio viso
    Delle tue idee per non lasciarmi andare.
    A presto mio cuore
    A presto mio respiro.
    -Vincent cernia-

  • 22 ottobre 2013 alle ore 21:39
    -TUTTI-

    Per chi ora si desta
    per chi invece a dormir
    s'appresta.
    Per i bambini che il primo sguardo alla vita
    per chi è al tramonto e saluta saggio il vissuto.
    Per chi è facile e tutto lineare
    per chi soffre da matti e tutto è peggiore.
    Per i ricchi e potenti
    per i poveri e innocenti.
    Per chi vive vivendo
    per chi muore ignorando.
    Per chi solo gioie e amore
    per chi son lacrime amare.
    Per chi ora si desta
    per chi invece a dormir
    s'appresta.

  • 22 ottobre 2013 alle ore 21:37
    SOGNO DI BACI

    Sogno
    uno di quei baci attesi,
    uno di quei baci di cervello e mente,
    di testa e cuore.
    Sogno
    un bacio lungo, silenzioso e assordante,
    di batterie nel petto
    di fuochi pirotecnici, di stelle filanti,
    di musica in testa.
    Sogno
    uno di quei baci attesi,
    uno di quei baci di cervello e mente,
    di testa e cuore.
    Sogno
    un bacio di abbracci e corpi, di danze,
    di uno sciogliersi assieme,
    di emozioni e profumo di fragola,
    di sapori d'estate.
    Sogno
    uno di quei baci attesi,
    uno di quei baci di cervello e mente,
    di testa e cuore.
    Sogno
    un bacio di foglie d'autunno,
    di pineta, alberi e nuvole,
    di aria fresca e di sole acceso.
    Sogno baci di stelle filanti,
    uno di quei baci attesi,
    di cervello e mente,
    di testa e cuore,
    è musica questo sogno.

    -Vincent Cernia-

  • 22 ottobre 2013 alle ore 21:34
    -Felicità a domicilio-

    Felicità a domicilio
     
    Mi chiedesti di portarti la felicità,
    e ne riempii un sacchetto, e con lei un mucchio di stelle,
    e con lei presi anche la luna e ne feci un regalo.
    Viaggiai tra sogni e realtà,
    e camminando tra prati e nuvole ne raccolsi l'essenza,
    mi chinai su un sorriso e lo resi amore,
    mi chinai su un problema e lo resi speranza,
    mi accostai al pettegolezzo e lo tramutai in un frutto.
    Mi chiedesti di portarti la felicità,
    e ne riempii un sacchetto, e con lei una rondine dagli occhi radiosi,
    e un sole caldo che m'accompagnava nel viaggio.
    Arrivai dietro la tua finestra e chiamandoti svuotai al cielo il suo contenuto,
    arrivai al tuo cuore senza far rumore,
    arrivai alle tue labbra senza sentirne l'odore.
    Mi chiedesti di portarti la felicità,
    e lo feci,
    e il percorso diventò di seta,
    e la pioggia amara la tramutai in bosco verde,
    in promesse mantenute.
    Mi chiedesti di portarti la felicità,
    eccola a te,
    dono e purezza,
    di tela il sacchetto, di cuore rosso in petto.