username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Vincent Cernia Vincenzo De Marco

in archivio dal 22 ott 2013

14 gennaio 1976, Grottaglie - Italia

segni particolari:
Sono un folle che scrive di sentimenti, umore e vissuto,
del bene e del male.
Sono un pazzo che su carta sputa fuori
amore e rabbia.

mi descrivo così:
Poeta e scrittore, ha pubblicato: 
- Il Mostro di rabbia & d'amore ( edito da Lettere Animate e aphorism) 2014
- Macerie (antologia di racconti) 2016
- Il Mostro Versi di rabbia e d'amore 2017​
- Rivolto a sud (pensieri e poesie) Les flâneurs edizioni 2018 AUTORE presso Aphorism, lettere animate, Les flaneurs
Vincitore di molti concorsi poetici e letterari

27 novembre 2013 alle ore 19:18

Pazzi

La casa dei pazzi era a due passi
e io sotto un albero, in ascolto,
e il vento portava a me gli echi loro.
Ascoltavo risate isteriche
e immagini di passeggiate solitarie
e discorsi muti e amici immaginari.
La casa dei pazzi era a due passi
e io sotto il fresco estivo
di terra rossa e viva
seduto scrutavo, ascoltavo
vivevo.
Il cancello socchiuso, e dentro genti sedute,
sole,
e movimenti dei corpi assenti,
e realtà in testa loro,
felici.
La casa dei pazzi era a due passi
e gli echi loro
dal vento a me venivano forti.
Fieri, e sorrisi strani e occhi assenti,
spenti.
E riflettevo.
Normalità sei strana,
e la casa dei pazzi
e risate isteriche
e solitari discorsi.
A volte vi guardo
a volte vi invidio.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento