username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Vittoria D'Incecco

in archivio dal 27 gen 2011

17 novembre 1966, Pescara

27 gennaio 2011 alle ore 11:53

Le note del tempo

Questa storia parla di me, parla di te,parla di tutti noi.
Parla di una vita senza passato e senza futuro.
Parla di un istante,di un'emozione.
E' la storia di tante storie , bruciate e consumate nell'arco di un attimo,
sopra le note del tempo che fugge.
Dentro una bolla di cristallo.
Lontano da ieri e da domani: è solo oggi.
E' la storia dentro la macchina,
è la storia dietro le tende,
è la storia dentro la bolla di cristallo.
E' il tutto del nulla che fuggiamo ma che segretamente, incessantemente  sempre cerchiamo.
Questa storia è la ragazza della porta accanto,è il figlio del portiere,è il manager brizzolato.
Questa storia parla di un'isola che non c'è.
E’il volo pindarico sopra le note del tempo che fugge.
Continuo a raccontare questa storia dentro cui ognuno trova un pezzetto di sé, nascosto fra realtà o fantasia.
E' la storia dei miei racconti,la storia dei tuoi segreti,la storia delle sue confessioni.
La storia delle storie, che viaggia sopra le note del tempo che fugge.
Non rompere la bolla,attento a cedere all'inganno della voce che ti racconta di ciò che sarà se...
La storia che racconto può vivere solo sulle note del tempo che fugge, solo dentro la sua bolla di cristallo
fragile , sospesa in aria.
Se la rompi,se ti lasci cadere ,sotto puoi trovare solo l'assenza di tutto.
Perderai tutto.
Sotto la bolla , il vuoto!
Solo il vuoto lasciato dalle mille cose che andranno via sulle note del tempo che fugge.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento