username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

William Blake

in archivio dal 05 giu 2003

28 novembre 1757, Londra - Inghilterra

12 agosto 1827, Londra - Inghilterra

segni particolari:
La morte mi ha sorpreso proprio mentre stavo lavorando alle incisioni ispirate alla Divina Commedia di Dante.

mi descrivo così:
Mi ritengo un poeta non comune. Pittore e incisore, sono l'inventore di una forma originale di poesia visionaria illustrata.

05 aprile 2006

Il bambino nero

Mia madre mi ha generato nel sud selvaggio,
ed io sono nero,ma OH!la mia anima è bianca;
bianco come un angelo è il bambino inglese,
ma io sono nero,come se privato della luce.

Mia madre mi ha insegnato sotto un'albero,
e sedendo giù prima della calura della giornata
mi ha preso in grembo e mi ha baciato,
e additando l'est ha cominciato a dire:

< e dona la sua luce e dona il suo caldo via;
e fiori e alberi e animali e uomini ricevono
conforto la mattina, gioia nella giornata.

E noi siamo posti sulla terra un pò di tempo
perchè impariamo a sopportare i raggi dell'amore;
e questi neri corpi e questa faccia bruciata dal sole
non sono che una nuvola,e come un boschetto pieno d'ombra;

perchè quando le nostre anime avranno imparato il caldo a sopportare,
la nuvola svanirà:"venite fuori dal bosco, mio amore e cura,
e attorno alla mia tenda d'oro come agnelli gioite">>.

Così mia madre disse, e mi ha baciato.
E così io dico al bambino inglese:
quando io dalla nera e lui dalla bianca nuvola ci libereremo
e attorno alla tenda di Dio come agnelli faremo festa,

io lo riparerò dal caldo,finchè sarà capace
di appoggiarsi in gioia sopra il ginocchio di nostro padre;
e allora io starò in piedi ed accarezzerò i suoi capelli d'argento,
e sarò come lui,e lui allora mi amerà.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento