username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alessandro Moschini

in archivio dal 05 mar 2011

02 febbraio 1969, Montecatini Terme - Italia

mi descrivo così:
Ho vinto il concorso nazionale di poesia "Il Federiciano" 2011 organizzato da Aletti Editore con la poesia "I musicisti". Ho appena ristampato con LunaNera la mia prima silloge "Le corde di Eros".

26 giugno 2013 alle ore 8:41

Il pentagramma di Venere

di Alessandro Moschini

editore: LunaNera

pagine: 114

prezzo: 10,00 €

Acquista `Il pentagramma di Venere`!Acquista!

Ho sempre pensato che la poesia sia musica e viceversa. Alessandro Moschini dimostra a pieno titolo la teoria messa in pratica.
Il dono della scrittura è proprio di chi sa sensibilmente creare melodia parlando con l’intima parte di noi stessi; creando dialogo tra suono e parole. Alessandro “bassista-poeta”, riesce in questa impresa, legando nota dopo nota, fino a mettere su carta tracce, fatte di desideri, emozioni intime, senza mai cadere nel volgare anche dove la sensualità, diventa protagonista di giorni e complici rumorosi baci, di fuori misura, respiri, mani, origami d’amore, corde tese su ferro battuto, sulla schiena in estasi d’erotiche cuspidi.
La ricchezza del Poeta Moschini, trova spazio nel pentagramma scelto in chiave di basso, diventando lingua universale e componendo versi anche in lingua inglese (altra coraggiosa avventura).

“Siamo tempo/ ibernati nel fuoco/ labbra che si sfiorano/ a cercarsi e nascondersi/ come misteriose conchiglie”.

Mare, passione viva, canto, dolore, “intonazioni mute”, schiuse in boccioli diventando rose rampicanti sul petto e colori, sulle pareti della vita.
La sensibilità e consapevole coscienza è il peso/forza di questo Maestro d’Arte, che “travolto dall’ingordo cielo notturno e dall’urlo pungente del cielo”, trasporta e condivide il suo carico d’amore.
La musica diventa cura e rende i silenzi più sopportabili, e Alessandro Moschini è protagonista attento di “bisbigli nei sorrisi che non vedi ma ci sono mentre t’ascolto”.
Paziente disegna movimenti e cambiamenti con l’inchiostro della sua penna, raccontando brividi, sospiri, bagliori d’estasi e d’intesa. “Insonnie e follie”, dietro a vetri frantumanti e remote esplosioni. Organigrammi privi di maschere, stampati nella mente e nel cuore, fatti di sguardi e nudità. Di voci attaccate alle pareti o passanti attraverso l’anima bucata.

La poesia è Amore che soffia sul fango, ripulendo, con la purezza di un bacio sulla fronte e liberando gli occhi dal nero e dalle catene, spazzando via le foglie morte.
Amore che si lega al sesso, diventando gioco: “giro le dita/ intorno alle tue perle/ mentalmente conto/ i peccati che farò/ tra le pieghe del tuo corpo”, “bevi con me la notte versata dalle stelle dei tuoi seni/ portata alla tua bocca dalla mia. Siamo complici in questo colpo,/ ladri d’attimi”.

Storie vissute e descritte audacemente in pentagrammi sempre nuovi e unici. In simbiosi composte di palpiti di sole e docili effusioni con la bocca a ricamare sul foglio scampoli d’amore.
Spazi e righi, musicalità che alterna levigando, narcotizzando i dubbi, “fade in …fade out”, dove si sensi sono padroni nel buio, e in segreto l’anima pulsa. La stessa vertigine è vergine, essendo come la prima volta, ogni esperienza vissuta al pieno.

Alessandro è concreto e come un cuoco (manipolatore di cibi), dirige la parola:
“Tu che sei Archermes/ venuta a intridere il pandispagna dei miei occhi/ e maliziosa sorridi e ricambi/ il mio golosastro pensiero”.
La poesia di Moschini diventa valigia carica di emozioni trasportate e fa delle donne descritte, la Musa regina di ogni  pensiero: “sai di piovra e conchiglia, squalo e sirena/anaconda e delfino/ mentre un raggio di sole/ attraverso la serranda/ trafigge il tuo seno/ lasciandoti cadere/ abbandonata e madida di passione/ sopra di me”.

recensione di Dulcinea Annamaria Pecoraro

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento