username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 33 minuti fa
    Haiku

    Sboccia una rosa
    puro slancio di vita.
    Così è l'amore

  • Ieri alle 22:34
    E sarà sempre primavera

    Ultimo depositario 
    di tradizioni che si tramandano
    con ritualità diverse

    ma il cui senso profondo
    è sempre lo stesso
     
    l'avversione agli alibi giustificatori

    cammino alla luce del sole
    a trasformare l'anima

    nella bellezza delle mie primavere

    e girarle intorno
    a sfuggire di affondare senza speranze 

    in desideri mutevoli e compulsivi

    piccoli grimaldelli
    che cercano di scardinare
    la porta del cuore

    ma che aprono solo
    cause di disaccordi
    .
    cesaremoceo

  • Ieri alle 22:07
    Haiku

    Vado a dormire
    e cosi potrò amarti
    Magia del sogno!
     

  • Ieri alle 20:58
    Rassegnazione Standard

    Se potessero le guance 
    sentir piano il suo gentil affanno,
    con labbra gelide di vil fermento,
    il mar sarebbe puro immenso.

    La piena libertà fu così da non esister
    e il canto tremulo dell'uomo muore sul proprio ormeggio,
    ove ogni intrepido sibilo d'amor 
    nel petto un cuor si spegne
    in un etere di pur solfeggio. 
     

  • Ieri alle 20:47
    In punta di versi

    Mi sfidi amico a duellare
    in punta di versi poetici
    con tema grande d'amore
    pari a dolcezza di fiori.

    Ah, il fuoco del cuore
    ai soffi sopra le braci
    rassegnate alla cenere
    a rammentare quei baci!

    Sta dentro gli abbracci
    si nutre delle carezze
    care ai giovani anni.

    E palpitante rivive
    l'incendio delle passioni
    d'ore di vino e di rose.

  • Ieri alle 20:45
    Chiamano

    Con voce di silenzio
    chiamano nella notte
    d'ombra e luce figure
    occupano il cuore.

    E' dal profondo folla
    d'antica vita memore
    da poco nella nuova.

    Sussurrano
    sospese dentro il sogno
    comandano di scrivere
    spingendo via il sonno.

    In segni di parola
    ne porta il foglio traccia
    che non cancelli il sole.

  • Ieri alle 17:45

    Ho visto amori gridati al vento e poi cadere al primo temporale . Ne ho visti altri vivere in silenzio e attraversare le più grandi tempeste e uscirne vittoriosi. Alcuni hanno visto spuntare l'arcobaleno mentre altri non sono riusciti ancora a vedere la luce del sole. Che strana cosa l'amore. Vedere persone dirsi che si amano e non lottare per stare assieme. Vederne altre dal lato opposto che solo per un semplice affetto si difendono, si stringono e non si mollano! Amare ha solo un significato non ne ha 1000 ma solo uno ricordatevelo e l'unica cosa che davvero dimostra l'amore è "Sentirlo" & "Dimostrarlo"!

  • domenica alle ore 8:24
    e così di seguito

    provo a portare quello che mi è richiesto
    stringo bulloni, allento tensioni e sbrigo commissioni
    ordinazioni,
    dispiego spiegazioni a chi di competenza
    e così di seguito…....
    e ballo! se c'è da ballare 
    e rido anche se non so,
      a volte piango
    e così di seguito

    so che se cammino in direzione dell'obbiettivo
    l'obbiettivo prima o poi si paleserà
    ma all’arrivo l'obbiettivo si moltiplica e poi si divide e poi si sgretola, si sbriciola e si allontana di nuovo
     e si perde lontano,
    e così di seguito....

    e poi mi rendo conto che l'obbiettivo, il mio è già lì in me, con me
     allora mi fermo e contemplo di nuovo il sole che sorge
    c'è tempo
    e il tempo è buono
    in ogni caso.....sia quel che sia
    e così di seguito

    Marco Bo
    http://cantidallaperiferiadelmondo.blogspot.it/2014/04/e-cosi-di-seguito.html

  • domenica alle ore 5:02
    Bussare alla porta del cuore

    Partito dal nulla,
    Avvolto di mistero
    Hai bussato alle porte
    Della triste città.
    Hai accompagnato le stelle,
    Assaporato il sorgere del sole
    Hai bussato a tutte le porte
    Ma in pochi stanotte
    Han aperto all'amore.

  • sabato alle ore 22:26
    Filetti d'anima

    Frammenti di silenzi

    giocano a nascondersi
    tra la purezza dei sentimenti

    nell'armonia del mio spirito

    così l'aquila
    lascia il posto alla colomba 

    e sopportare la vita

    camminando a piedi nudi
    sulla carta vetrata 

    mentre il ramoscello d'ulivo
    si fa strada
    tra i rami secchi della guerra
     
    a frantumare
    il rapporto idilliaco con l'arsenico
    .
    cesaremoceo

  • sabato alle ore 20:04

    Ho fatto scelte che facevano paura anche a me stessa. Ho fatto scelte che erano un enorme punto interrogativo. Ho fatto scelte che mi hanno portato tempeste e fulmini contro. Però ho sempre scelto. Ho sempre avuto il coraggio e le palle di scegliere. Che fosse giusto o sbagliato il momento, la scelta o il risultato non importa; ciò che conta è che nella vita si impari a prendere una posizione. Che nella vita si abbia una testa che ragiona, un concetto che si concretizza e una strada da prendere. Per farlo dobbiamo imparare a scegliere anche a costo di sbagliare!

  • sabato alle ore 18:52
    Haiku

    Ramo d'ulivo
    il simbolo di pace.
    Va coltivato!

     

  • sabato alle ore 14:37
    peccati capitali

    peccati capitali
    la prepotenza della porta chiusa
     affama ed uccide i cuori e le anime 
    e così si disperde il poco tempo prezioso che abbiamo da spendere sotto questo cielo, 
    sotto questo sole
    si spreca il tempo così senza speranza
    e si rimane fuori
    nudi e soli
    soli

    Marco Bo
    http://cantidallaperiferiadelmondo.blogspot.it/2014/04/peccati-capitali.html

  • sabato alle ore 13:37
    Figlio

    Suoni affilati nell’aria vibrano.

    Brandelli di cuore fra le mani straziati.

     

    Sguardo invecchiato ai ricordi gioiosi

    di letizia atavica i cuori  antichi

    che insieme s’ascoltano e  pulsano ameni:

    allor flautato s’udiva il canto…

     

    Non comprendi l’errore commesso.

    Solo amore ha guidato i tuoi passi

    eppur muri son stati levati

    ostruendo il passaggio segreto.

     

    Mani dalla pietra ferite

    infaticabili scavano invano

    per creare quell’ impervio foro

    che ostile varco alla luce consenta.

     

    E l’eco di colpe non ancora svelate

    nella mente  esitante continua a bussare.

     

  • sabato alle ore 13:36
    Estasi Psichica

    Pensieri segreti

    nell’oscurità irrompono:

    afone fiammelle che in incendio divampano

    e aromatiche melodie nelle tenebre effondono.

     

    Melato allor diviene il manto  oscuro.

    Spiragli di luce fin’allora celati

    al cuor si palesano la mente seducendo.

     

    Anime nude che all’unisono si intrecciano

    una innanzi  all’altra impudiche si spogliano.

     

    Duali pensieri s’ accavallano vibrando

    distinti e uguali si scoprono allacciati.

     

    E in estasi psichica di piacere puro godono.

  • sabato alle ore 13:35
    Sole

    Danza nell’animo
    incontenibile inquietudine,
    più invadente ad ogni passo
    nell’intimo si insinua.
     
    Divertita
    di affanni e crucci si nutre
    e veloce s’accresce e s’alimenta
    della pena di perdere il tuo Sole.
     
    …Sole del passato,
    dileguato e mendicato,
    alfine riappari fra le nubi
    e nuova luce ad ogni cosa porti…
     
    Nuvole impalpabili incombono
    vènti invochi accorata.
    E preghi che di nuovo non arrivi
    la tempesta a nascondere il tuo Sole.
     

  • sabato alle ore 13:32
    Fata turchina

    Amaro risveglio
    dopo dolce speranza
    che di te la pelle ha impregnato l'odore
    e le labbra di miele il sapore han lasciato.

    Funesto sogno che i sensi ha illuso,
    vigile mente tregua non dà.

    S'insinu'ora il dubbio di sciocca illusione
    d' averti reso felice col mio sol respiro.

    S' aprono gli occhi e i tuoi incrociano,
    legge la mente nella tua le parole.

    Fata turchina per te vorrei essere
    e di meraviglie colmare il tuo cuore.

  • sabato alle ore 13:30
    Amami

    Amami.
    Null'altro chiedo.

    Amami per ogni parola che in te nascondo
    e con  cura custodisci.

    Amami per i miei occhi
    ove tu luce hai portato,
    e per le labbra
    ove sorriso tu fai nascere.

    Amami per il mio sguardo bambino
    che come inchiostro su carta leggi
    e nel più profondo scruti.

    Amami per la mia mente
    che dei tuoi pensieri si nutre,
    e per la mia anima
    che la tua tiene per mano.

    Amami per i difetti
    agli altri così ostili
    ove tu rare perle vedi.

    Amami per i miei silenzi
    ove tu il mio mondo sai ascoltare.

    Amami per la felicità
    che solo con te posso sentire.

    Amami perché di me sei parte
    e senza di te non sono.

    Amami
    nonostante tutto amami...

     

  • sabato alle ore 11:08

    Sai che fine fanno tutte le lacrime, le ore e le giornate passate ad aspettare qualcosa o qualcuno?! Si riducono in cenere! Cenere diventa il tempo non vissuto e sprecato in un'attesa. Cenere diventano le ore non trascorse in compagnia. Cenere diventano le occasioni a cui dici “NO” per aspettare ancora e cenere saranno i tuoi occhi dopo aver pianto lacrime non meritate. Per questo apri gli occhi e vivi il tuo tempo mentre arde perché dopo diventa cenere!

  • Smarriti nella frenesia di questo tempo
    e nel suo lacerante logorio

    siamo sommersi dalle onde implacabili
    dell'ipocondria che ha perso ogni speranza

    Viviamo con gli occhi avidi di possesso

    senza parole d'amore

    tra sussurri che vanno a perdersi
    dentro le fiamme dei pensieri

    a sprizzare malizia

    e esibirla con gioiose prese in giro

    E indossiamo finti candidi abiti
    rammendati con parole occulte

    nella tristezza a guarire le ferite

    adattandone la cura

    alle perfidie degli intrighi
    di assurde crudeltà 

    col fine di evitare
    compiti ardui e dolorosi

    e acuire incomprensioni e contrasti

    dimenticando d'esser diventati grandi
    più per opportunismo che per talento
    .
    cesaremoceo

  • venerdì alle ore 18:52

    Avrei tante di quelle cose da dire a volte che scelgo il silenzio per tantissimi motivi. Lo scelgo perché sono certa che di fronte ho chi non può capire, chi non vuole capire e chi non ha interesse nel farlo. Lo scelgo perché la mia dignità mi porta a non abbassarmi mai a chiedere nemmeno una briciola d'amore, ma di pretendere quello vero, sentito e spontaneo. Lo scelgo perché ognuno è libero di vivere la sua vita come meglio crede, ma io sono certa di come voglio vivere la mia. Per tanto non ha importanza che io dica loro il mio pensiero. Scelgo il silenzio quando vedo che l'egoismo supera il vedere chi si ha di fronte, la superbia supera il voler vedere lo stato d'animo di chi ti sta vicino e la troppa convinzione supera l'umiltà di chi avete appena messo uno scalino sotto al vostro!

  • venerdì alle ore 16:43
    Il versante muto

    Ti ho sentita rondine
    attraversarmi il cielo
    e accarezzarmi l'aria
    con le tue dolci ali
    spazzando via paure
    portate dentro me
    dal Mostro Incognito,
    sfidando il brontolar
    del minaccioso tuono.
    Ma il tuono è mio fratello
    e ti conosce,
    mai farebbe male a te
    che mi sei madre
    e mi proteggi
    quando mi temo,
    quando mi son nemico.
    Lui si limita a librar
    acqua a catinelle
    a portar via le scorie,
    il poco che riman del Mostro
    che il tuo volo ha allontanato,
    che a colpi di carezze
    tu hai battuto.
    Il tuo versante è muto
    sol per chi non sa ascoltarlo,
    per chi non ti scorge
    nel tramonto vermiglio,
    per chi non ti è sangue
    per chi non ti è figlio.

  • giovedì alle ore 23:37
    gusto giusto

    Di notte mi cammina nei pensieri, nei sogni.. Macchio le lenzuola di pensieri profani, mi vive nelle mani.. Mi chiedo, non ti vergogni? Rispondo di no..lo sento nell'aria, persino quando esco e porto il cane a pisciare..perché mi dovrei vergognare? È una presenza di cui non mi posso liberare, Perché io solo così so fare... Non è vero,se non mi fa ammalare... E mi cammina come un male nelle vene, si nutre del mio bene e delle mie pene Silente come.se avesse le risposte ...infondo il segreto è non avere domande.. E mi ammalo e lo scelgo Mi ammalo.ma non mi svendo... È un.gusto.perfetto.per avere difetto

  • giovedì alle ore 22:33
    Dolci sogni

    Mille fantasmi mi riempiono la mente

    capitoli di un unico romanzo
    le cui vicende si dipanano
    giorno per giorno

    Violenze e tensioni a prendere corpo
    nell'imprevedibilità degli eventi

    con le tenebre a inebetirmi

    nel filo che mi unisce
    alle riflessioni inquiete della mia
    debolezza umana

    Mi chiedo spesso se la verità
    non sia nemica della grazia

    a suscitare sferzate d'invidia
    e enfatizzare la cattiveria

    quando sente il bisogno
    di far abbandonare la coscienza
    al suo destino

    E allora mi raccolgo
    nella tacita accettazione
    del disegno Divino

    a strncare orgoglio e arroganza

    ascoltare ad occhi chiusi
    i battiti del cuore

    e immergermi in dolci sogni
    .
    cesaremoceo

  • giovedì alle ore 19:15

    La peggior condanna è affezionarsi a qualcuno che non avrà mai interesse nel fare un passo verso di te. La peggior condanna è vivere nella rassegnazione che di meglio non c'è. La peggior condanna è smettere di sognare perché nella tua realtà nessuno dei tuoi sogni ha mai preso corpo e forma. La peggior condanna è cercare di essere diversi per non "perdere" le sfide con la vita! Ma la più grande vittoria è andare in culo a tutto questo, essere se stessi anche a costo di restare soli fino alla fine!