username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Filtri di ricerca
  • La poesia contiene la parola
  • Nome autore

Poesie

“Uno sguardo vergine sulla realtà: ecco ciò ch'io chiamo poesia”
Edoardo Sanguineti


Le poesie dei nostri autori sono tutte raccolte qui.
Se vuoi inserire le tue poesie in una pagina a te riservata, iscriviti ora e scopri come fare!

elementi per pagina
  • 2 ore fa e 38 minuti fa

    In molti pensano che stare soli sia una sconfitta. La verità è che stare soli non è essere soli o sentirsi soli. Stare soli è vivere a pieno se stessi, la vita, la quotidianità... E' aver imparato che per ogni problema hai solo un'arma da sfoderare: te stesso! Stare soli è aver capito che il rapporto più bello e più intimo lo hai con te stesso. Essere soli è stare vicino a qualcuno che solo ti fa sentire... Soli è aver bisogno per forza di qualcuno per sentirsi bene, sereni e appagati. Io non mi sento sola da un pezzo ormai. Io a nessuno darei più l'indipendenza raggiunta! Forse condividerei del tempo, ma il resto me lo tengo stretto e caro. Soli è sentirsi persi e a metà.... IO CI SONO INVECE E AL 100%. Chi sta solo continua ad amare, continua ad assaporare sentimenti, gioie, dolcezze esattamente come chi ha qualcuno vicino, ma nella vita non esiste solo l'amore... Esiste anche la rabbia, i problemi, il confronto , l'incazzatura, la giornata si e quella no. C'è il momento buono e quello di merda! Una persona in pace con se stessa sa goderseli TUTTI! Non esiste solo l'amore per un uomo o per una donna.. Esiste quello per i figli, per le proprie passioni, per il proprio tempo, per i propri spazi, per gli amici, per le persone che verranno e soprattutto quello PER SE STESSI! Una persona "Single" NON è UNA PERSONA A META'! NE TRAUMATIZZATA, NE CHE HA SMESSO DI AMARE, NE INCAPACE DI DARE... E' SOLO UNA PERSONA CHE HA IMPARATO A SCEGLIERE A CHI DARSI! Io la mia "SOLITUDINE" se così proprio la volete chiamare... LA AMO.

  • Ieri alle 22:25
    Little wise

    Il senso del domani mi s’ammorba

    Riflesso sulle mani il suo tremore

    E attendo che la luce poi s’assorba

    nel freddo di quest’orma di dolore.

     

    Col viso di tua madre come goccia

    Nell’ombra asciutta dentro queste gore

    Ch’è scorsa molle al taglio d’una roccia

    Sino alla terra pregna del tuo umore.

     

    E in quella terra quando è notte fonda

    Convoglierò le lacrime non piante

    Del trascinio di giorni sotto il sole.

     Riparerò le mie consunte suole

    con il sorriso che ora m’è distante,

    e pace finalmente si profonda.

  • Ieri alle 21:57
    Un gesto come un verso

    Permane ciò che appare in uno specchio
    e si ancora a circuito neuronale
    o annega come un gesto accidentale
    nel cono d’ombra opposto accolto in secchio?
     
    Se si dissolve per non arder vecchio
    nella memoria tridimensionale
    rinforma come amalgama ancestrale
    in collimate tracce d’apparecchio.
     
    E come un verso sgorga all'improvviso
    ristora col suo ritmo e alla memoria
    sembra ancorato per l’eternità
     
    ma se non lo si schizza come un viso
    non lo si appunta almeno in istruttoria
    sul taccuino, al poeta svanirà.

  • Ieri alle 20:50
    Manchester

    Esposti alle decisioni assurde del destino

    contro il quale non possiamo appellarci

    viviamo subendo
    i guizzi di primitive immediatezze

    laceranti sentimenti di disarmonie
    a scorrazzare tra i venti impetuosi del vivere

    e tramutare in dolore affollate orge di male

    E senza combattere...uccidono
    .
    Cesare Moceo © ®
    Tutti i diritti riservati

  • Ieri alle 20:47
    Sogna,mia anima in pena

    Sotto tenera età
    già s'è spenta ogni natura

    Allegrie d'infelicità

    senz'altro scopo e senza saper nulla di sé

    si perdono tristi tra le banalità insignificanti d'ogni esistenza

    E ringrazio la memoria che concede gli eterni sonni

    Cesare Moceo
    Tutti i diritti riservati

  • Ieri alle 19:11

    Non sopporto comportamenti isterici in generale. Quelli dove vengo rimproverata in base alla scelta su chi deve o no far parte della mia vita. Non sopporto frasi del tipo: "Lui si e io no"... "Io zero e lui 100"... "Lui non vale nulla e gli dai tanto e io che ho dato tanto non conto nulla" ecc... Mettiamo in chiaro alcune cose: Il mio cervello non ragiona sempre come il vostro, anzi quasi mai, ma soprattutto le mie scelte arrivano dal mio percorso personale con quelle persone. Detto questo io le ho vissute, io so quanto mi hanno dato, lasciato e anche tolto. Per tanto SOLO IO decido chi deve stare più in alto e chi più in basso, ma soprattutto SONO E SARO' SEMPRE IO A DECIDERE CHI RESTA E CHI... VA! 

  • Ieri alle 14:59
    Nuovo sole d'Icaro

    E dagli opposti incanti
    e incandescenze implose
    di nuovo sorge il sole d’Icaro
    annulla atopici frammenti
    e il gelido crinale del vuoto oltre le porte.
    Atavica sorella, la solitudine
    dal grembo ch’è abusato
    carezza, spenta, l’amaro ritmo delle doglie
    in grisaglie di cielo
    con noi assenti, d’ultimo distacco.

  • Ieri alle 11:43
    Pronto a termine

    Il mio compito è finito
    un sommo silenzio è
    la cura per il nessuno 
    tra la gente che viene 
    e che va - ogni giorno
    è la stessa che prega
    dentro al nido di croci
    scoperchiato dal cielo
    che non piove nessuno
    a parlare a un mattino.

  • lunedì alle ore 23:12
    Alba di maggio

    Riversa sul crinale d'aria molle
    ove poi un raggio d'anima
    come un rifiato esonda
    sorella a luce ed ombra
    inventi un ritmo che m’acquieta
    alba di maggio
    e sbrogli
    immemore di pioggia
    tremore d’argini.

  • lunedì alle ore 21:46
    Cieco di luce

    Tènera è l'alba
    che appena s'appresta
    e regala colori
    casini e amori
    e le voglie contorce
    nei brividi a scorrer
    Sogni di chiari pensieri reali
    invadono i prati
    i piaceri e le menti
    riarse dal sudore
    dei cuori che soffron
    nel chiacchiericcio soave
    tra blocchi di fango
    e colate di terra
    E quando i cancelli
    si schiudono alla vita
    diviene dolce la sera
    ,
    cesare moceo
    tutti i diritti riservati

  • lunedì alle ore 20:37
    Stirpe fuori natura

    Seduto disteso su di una panchina del mio lungomare

    col sole di fronte a levigarmi i languori

    domando al destino

    ancora un premio per le fatiche

    che possa distogliermi dai mali che soffro

    Accecato dai raggi e confuso nel cuore

    mi vengono incontro

    le anime dolci del mio passato
    alle quali il mio cuore è da sempre legato

    E scrivo

    e riscrivo per dir quel che voglio
    nell'espressione sincera d'ogni mio sentimento

    a eludere al corpo

    i supremi soprusi che invadon la mente

    al vedere accoppiarsi violenza e malizia
    e assistere inerme alla stirpe che nasce

    malanimo e empietà
    .
    cesaremoceo
    Tutti i diritti riservati

  • lunedì alle ore 13:47
    Bruciata terra

    Brucia la terra
    senza che ce ne accorgiamo
    per il caldo e l’effetto serra
    tutto viene celato
    però questo s’ingrossa
    sempre di più
    non esistono rimedi efficaci
    neanche
    il rispetto delle leggi 
    servirebbe
    la questione è senza soluzione.
    Gianluca Papa (Miscellanea – raccolta inedita)
     
     

  • lunedì alle ore 12:50
    Sperare

    Vorrei fermare la sofferenza
    E far stare bene tutti i popoli
     
    È triste varcare quella porta
    Per andare lontano, lontano
    Oltre il confine del cielo e mare
     
    La primavere è annebbiata
    Ed io non vorrei andarmene
    Ma nessuno me lo proferisce
     
    “ Non andare via “
     
    In questi luoghi la vita è smorta
    Manca tutto l’indispensabile
    Si aspetta un mondo migliore
     
    “ Invece… “
     
    È sempre
    Uguale e diverso
    Per chi vive la realtà
     
    In certi luoghi
    Il tempo non esiste
    E non serve sperare.
     
    “ La speranza è una aspettativa che non sempre appaga. “

  • domenica alle ore 20:39
    In nome della felicità

    O Cefalù
    nel tuo lucido splendore
    che il calore di questa primavera esalta...
    e lascia il segno tra le ombre lunghe dei ricordi
    avvicinati ai nostri giacigli
    che il lavoro dell'estate rallegra
    e allontana i fantasmi agitati
    dai funerei venti che soffiano sull'odio
    E nel tuo capo di pietra scolpito
    che il tempo affanna ansima e scalpita
    fai conoscere il tutto di noi
    a noi stessi

    Cesare Moceo © ®
    Tutti i diritti riservati

  • domenica alle ore 20:37
    Solitaria veglia

    Solitaria veglia(21/05/17-ore 06,30)

    Sono qua
    ad ascoltare il vento e i miei mal di pancia
    a sentire il mare che gorgoglia
    e le sue onde differenti
    che mi parlano con indifferenza

    Lassù nel cielo

    filari di nuvole mi guardan stupite

    camminando veloci verso il loro destino

    salutando all'incontro e far lor da Paradiso

    gabbiani festanti

    nelle ali carezzate dal turbinio dell'aria fresca del maestrale

    Follia di morte trasporta la brezza

    e non si placa e aumenta nel sale che sale

    e vince l'amore di questa mia solitaria veglia

    Cesare Moceo copyright
    Tutti i diritti riservatiAltro...
     

  • sabato alle ore 21:39
    L'asciutto riflesso del Nulla

    Stanco

    del mio mentire al tempo che corre

    continuo a rivivere nei sogni

    il sognare dell'anima mia

    Dolci pensieri

    in notti brulicanti d'insonnie

    giocano a rimpiattino

    con il futuro colorato di niente

    mentre lacrime intrise di sdegno

    minacciose d'amari tormenti

    mi riportano a quelle menzogne

    baciate dal loro putrido orgoglio

    E non sento più il tuo nome

    non vedo più il tuo volto

    ma solo l'asciutto riflesso del Nulla

    cesare moceo

  • sabato alle ore 21:37
    Lacrime per una cagnolina

    Stasera soffro il bisbiglio
    dell'anima in pena
    nell'ombra sbranata
    d'un morso in poltiglia
    sul lezzo di questa sera di maggio
    accesa d'amore
    che lascia nel cuore
    il suggello di un pianto struggente
    Io l'ho visto quel sangue
    e c'ero in quel dolore cieco
    a insinuare silenzio e tormento
    Limpido e fresco
    era il vento della speranza
    a soffiar felice all'arcobaleno
    e al suo ponte
    e ringrazio la madre di tutte le madri
    per la luce immensa concessa
    a quella piaga di rosso languente

    Cesare Moceo © ®
    Tutti i diritti riservati

  • sabato alle ore 21:34
    Ereditaria-mente

    Restauro il mio volere
    nell'ironia buia e sconsacrata

    di farne rivoluzionario spirito
    d'ogni tempo

    e regalarne gli estremi frutti
    a contrastare e combattere

    con la loro essenza

    l'ingordigia affamata
    e le trasgressioni

    di finte tradizioni
    e falso umanitarismo

    La' uomini e situazioni
    convivono con il mio pensare più impuro

    dove tormenti e tumulti
    impazziscono d'odio

    e qua nascondo tutte
    le mie interiori tensioni

    in questa volontà e nell'illusione
    di una felicità... conquistata

    Cesare Moceo © ®
    Tutti i diritti riservati

  • sabato alle ore 21:32
    Grazie mamma,io non dimentico

    Ricordo ancor il vecchio borgo
    e quel catoio

    dove la dignità maritata alla fame
    v'abitava

    Candele di tenue luce
    a picciolo lume

    rischiaravano quelle notti
    cupe di paura

    tra ratti affamati e pertugi scoperti
    per pietre dimenticate

    e giù improperi e botte

    a noi imberbi figli
    innocenti di presunta colpevolezza

    E sogni e nitide immagini
    d'un separato destino

    avesti tu Madre

    nella fede ai giuramenti
    della tua memoria

    tra le bandiere ammainate

    del tuo pensare agli orizzonti in fuga da quel presente

    E nell'atto d'amore più bello

    schernito dal mondo
    e benedetto dai sospiri insalubri del tuo Cielo

    ci cacciasti fuori dal seno
    sbattendoci dentro il nostro avvenire

    Cesare Moceo © ®
    Tutti i diritti riservati

  • sabato alle ore 21:30
    E così passano le stelle

    Smarrito nei sogni

    piango i miei pianti
    eternamente uguali

    nel tormento e la tristezza

    del mio perire
    e del mio rinascere

    E tu Luna

    che dall'alto mi copri
    e mi proteggi

    e nelle fulgide notti m'esalti

    aiutami a capirmi

    nel mio errare
    tra le strade impervie
    della malinconia

    Cesare Moceo © ®
    Tutti i diritti riservati

  • sabato alle ore 21:28
    Viaggi senza domani

    Pensieri adescanti meraviglie

    a scollinare verso drammatici patemi

    sazi di nulla

    frullano nel piacere intrinseco
    dei godimenti della coscienza

    Logorato nei sentimenti e infermo nell'ozio

    tra l'armi della vita

    sopporto tormenti bili e delusioni

    dibattuto nel desiderio d'oblio

    E aspetto rassegnato

    d'arredarmi del bastone del mio andare

    nell'abbigliamento di nuvole
    che ostacolano i riflessi del mio sole

    "io che come un sonnambulo cammino"

    Cesare Moceo © ®
    Tutti i diritti riservati

  • sabato alle ore 21:26
    Il mio inferno

    Con l'ambizione d'infondere
    generosi umori

    a questa fallace realtà

    rimango rinchiuso
    sotto il mio torbido cielo

    di volontario pessimismo

    immerso nell'orgoglio smisurato

    di trasformare i miei versi
    in orazioni di piazza

    a ritornarmi equivoci in ricompensa

    E prediligo volare ancora
    con le mie ali

    caduche di felicità disperata
    nella solitudine più profonda

    e costruire tra le sofferenze
    il mio inferno

    Cesare Moceo © ®
    Tutti i diritti riservati

  • sabato alle ore 21:22
    Il mio essere diverso

    Fumi variopinti si dileguano
    svelando i miei "salti" in "dopo" indistinti

    nuovi e diversi pensieri
    regalati al futuro

    nell'ansia della spiritualità che m'assale

    inquieta e rinnovatrice

    e che solletica ogni mia baldanza creativa

    Velleità intrinseche dell'anima
    che danno impeto a desideri di meditazione

    in cui m'avvolgo di mescolanze
    di impure erezioni dei miei versi

    varietà di sconnesse meraviglie

    a cercar la gloria
    per compensare umiltà e avvilimento

    sentimenti fossilizzati ma necessari
    per elevarmi alla diversità

    Cesare Moceo © ®
    Tutti i diritti riservati

  • sabato alle ore 21:21
    Amaro amore

    Copro d'un sol fiato
    rampe irte di tormenti

    che martellano l'anima

    nei miei sguardi verso il Cielo

    Suppliche pietose

    quasi a divertirsi come un bambino al primo regalo

    assistono al "piacere" quotidiano
    d'apprezzare

    il grande spettacolo dei giorni che scorrono veloci

    sempre uguali e sempre diversi

    E lassù

    immobile

    attraversato da lievi brezze di ricordi
    dolci e pazienti

    mi vedo affacciato alla finestra del mio vissuto

    abbracciato ben stretto

    alle ante delle mie passioni

    E con questo corpo

    non ancora annoiato
    e geloso della sua indipendenza

    assisto inerme a ogni alba del mondo e al mio tramonto

    Cesare Moceo
    Tutti i diritti riservati

  • sabato alle ore 21:19
    Amare conclusioni

    Immobile

    attraversato da lievi brezze
    dolci e pazienti

    sto affacciato alla finestra del mio vissuto

    abbracciato ben stretto

    alla borsa delle mie passioni

    E da questo corpo

    non ancora annoiato
    e geloso della sua indipendenza

    assisto inerme alle albe e ad ogni tramonto

    Cesare Moceo
    Tutti i diritti riservati