username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Andrea Castellini

in archivio dal 13 lug 2011

31 dicembre 1972, Forlì - Italia

segni particolari:
Creativo applicato alla musica ed alla scrittura. Per quanto riguarda la musica...

mi descrivo così:
Creativo applicato alla musica ed alla scrittura...niente deve essere banale.

08 agosto 2011 alle ore 20:24

Delirio in vasca da bagno

Il racconto

E se mi fosse capitato di essere te,
che diavolo ci farei io qui?
L' angolo è sempre occupato,
come vedo un angolo,
gli piazzo qualche cosa.
Mi costringo a pitturare come
un murales la vasca da bagno,
ne approfitto quando è asciutta,
e dal momento che mi lavo poco
ho imperdibili occasioni, quando
ho il guizzo, 9 volte su dieci è
perfettamente asciutta.
Non disdegno l' igiene personale,
ogni 3 mesi riempio la vasca,
cercando di mixare la temperatura,
niente da fare, non ci riesco mai
con il vecchio sistema delle due
manopole, metto il piedino ed è
sempre un pelo calda o fredda.
A quel punto perdo la pazienza
e dopo avere sprecato cento litri
d' acqua ed un quarto d' ora,
faccio giocare un po' la tartaruga
e poi butto l' acqua , quando
l' animaletto è asciutto ben bene
lo solletico un po' a carapace
sottosopra e lo rimetto in
compagnia dei miei pesciolini,
due tipi di pesci a cui
non frega nulla dei rettili a
quattro zampe, ne parlerò poi.
L' angolo smussato mi frega,
non riesco ad occupare l' angolo,
così ci provo mettendo una bottiglia,
ma non sta in piedi sebbene
aderisca compiaciuta, se non
sta in piedi si sarà bevuta da sola...
Ubriaca dentro la vasca da
bagno vuota, cade e rotola
come un pistone rotolerebbe
se avesse senso rotolare
dentro al proprio cilindro.
Me ne intendo di motoristica, io...
A volte ho visto gente nella vasca,
ma che diavolo ci facevo lì dunque?
Ma tornando all' angolo
come un pugile suonato...
L' angolo del battiscopa ha
imperfezioni angolari vistose,
ma non ci guarda mai nessuno.
Come per gli arredamenti ad angolo;
ma perché chi costruisce gli
arredamenti destinati agli angoli
sfrutta i 90° precisi invece che 95°?
Rimarrebbe qualche centimetro
inutilizzato dietro, a causa
dell' adattamento;
ma non si vedrebbero quelle
orribili feritoie ai lati
riempirsi di polvere.
Siamo soli dentro la vasca,
e non ci guarda mai nessuno.
Forse perché siamo soli o
perché ci sentiamo soli in due,
dipende.
Che diavolo,
ci sono i pesci battiscopa!
Un tipo di pesce magnaccia
che sfrutta le pescioline con un
perentorio: " Batti & Scopa! ".
Le pescioline, solo ed esclusivamente
per codesto delirio,
si mettono a 90°.
Per cacciare il battiscopa
ci vuole il pesce murales.
Pesce battiscopa e pesce murales
si completano a vicenda
come guardie e ladri.
Il " battiscopa " è un tipo di pesce
da vasca, si mimetizza sulle
pareti facendo finta di essere disegnato.
Ha orribili feritoie ai lati che si riempiono
di ossigeno come un mobile
angolare si riempie di polvere,
queste imperfezioni sono anche
dette " imperfezioni angolari vistose ".
Il pesce Battiscopa le utilizza in
continuazione quasi se senza
gli mancasse la polvere o l' aria.
Il pesce murales è un predatore
naturale del pesce battiscopa
in quanto lavora per il
Ministero della Salvaguardia Ittica
( Sezione Prostituzione Subacquea ).
" A volte ho visto gente dentro la vasca,
ma che diavolo ci facevo io lì? "
- Sospira il pesce battiscopa
al pesce murales, quasi per discolparsi.
Poi cambia sesso,
come tutti i pesci in difficoltà
cambia sesso!
Si traveste da murales,
si sfila le pinnette ( manette del mare )
e frega il pesce murales che per
mimetizzarsi meglio
decide allora di fare il pesce
battiscopa fino in fondo,
nuota quindi in borghese e per fare
l' indifferente fischietta
tradendo però il noto mutismo della razza
( la specie, non la razza come
razza di pesce, intendo ) .
Il pesce murales si fa quindi sgamare
come un murales
in pieno centro storico!
Ora si vedono battiscopa
ad ogni angolo ma ora basta !
Se li catturo me li mangio al vapore,
cioè li metto a 90°!
E se mi fosse capitato di essere te,
che diavolo ci farei io qui?
Scegli la morale della storia
che ti piace di più...
Indicandola con il dito
unto di fritto ad occhi chiusi,
ma ricorda che il fritto dà fastidio.
E che il diavolo quando punta il dito
sceglie ciecamente di amarti
a modo suo.
Dunque gentile ed onnipresente
come la telecamera mentre fai il
bagno; e non è detto che tutto il
materiale vada al diavolo.
Internet è un murales ed il
battiscopa assieme...
sempre meno subaqueo.
-----------
1--Il diavolo riempie le vasche
ma non le svuota!
2--Il diavolo svuota le bottiglie
ma non si piega !
3--Il diavolo si piega a 90°
ma solo per fare ginnastica.
4--Il diavolo fa ginnastica fischiettando
per mimetizzarsi in centro storico.
5--Il diavolo si mimetizza tra i murales ma non
beve come un barbone in un angolo.
6--Il diavolo all' angolo monta il battiscopa
ma lo fa prima di montare il pavimento.
7--Il diavolo crede nell' aldilà
ma non si confessa.
8--Il diavolo cambia sesso spesso
ma per lui non è mai lo stesso.
9--Il diavolo va al ristorante cinese
ma non vuole un tavolo all' angolo.
10-Il diavolo ama la tartaruga ma non riesce
a svestirla.
11-Il diavolo ama i finali a scelta ma non
sa scegliere.
12-il diavolo sa scrivere cazzate ma non
le porta a termine.
13-Il diavolo abbonda sul riso degli stupidi,
ma non ama mangiare cinese.
14-Il diavolo scrive cazzate sulla
prostituzione subacqua tatuando pesci
murales corrotti e clienti delle piccole
battiscopa ma vorrebbe far credere
di stare all' angolo del discorso pur
sapendo che la vasca è raramente un
parallelepipedo...mettiamo anche il diavolo
nell' acquario.
15-Il diavolo ti fa scegliere la
morale che ti piace di più
ma poi la storia finisce.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento