username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Bianca Fasano

in archivio dal 04 dic 2011

01 agosto 1949, Napoli - Italia

segni particolari:
profondamente innamorata dell'arte in ogni sua espressione, fortunatamente abile in alcune delle sue possibilità: pittura, poesia, scrittura sotto forma giornalistica, romanzata ed altro. Un passato remoto di danzatrice classica. Ceramista. Ho creato tre splendidi esemplari di esseri umani.

mi descrivo così:
Concretamente piantata a terra come un ulivo secolare del Cilento, ma capace di lanciare i rami verso il cielo, con le foglie da un lato di un bel verde tenebroso e dall'altro argentee.

10 gennaio 2012 alle ore 23:54

Suicidi stoici

Il racconto

SUICIDI STOICI: SUICIDI POLITICI DA VENTIMILA EURO E SUICIDI FISICI DA MANCANZA DI CENTINAIA DI EURO.
Viviamo una profonda era dell’indifferenza, ma anche di un divario sostanziale tra la qualità della vita del “fortunato” e quella di chi per nascita e/o capacità individuali, non lo è.
Profonda differenza tra la sorte di una coppia che si suicida per disperazione e  la fine di Carlo Malinconico, dimessosi da sottosegretario “per la credibilità del governo” a causa di una storia (se vogliamo lontana negli anni), avvenuta nel 2008, laddove è stato pagato per lui un conto da oltre 19 mila euro all’hotel Pellicano di Porto Ercole nell’Argentario, da qualcuno che lo riteneva logico e necessario. Super conto? Questioni di punti di vista. Quanto saranno costati gli ultimi giorni di vacanza della coppia che si è suicidata a Bari? Un migliaio di euro? 400? Ma, hanno poi saldato il conto con l’albergatore, prima di darsi la morte, o qualcuno ha saldato il conto per loro, mentre loro decidevano di saldare quello con la vita?
Ogni giorno, per strada, ci scontriamo con una quantità di persone che “chiedono”. Dall’uomo di colore col berretto, che si porta la mano alla bocca facendo capire così di avere fame, al distinto signore col cappello, che chiede l’elemosina, alla donna, probabilmente “zingara”, col bambino perennemente addormentato in braccio, che neanche chiede, tanto non c'è bisogno; si capisce che vuole qualcosa da noi: soldi.
Non c’è molto da fare, occorre, pur volendo donare qualcosa di tanto in tanto, “passare diritto”, altrimenti non si vive, non si dorme, non si è sereni, di fronte a questo diffuso “bisogno”.
Facciamo una sorta di “scorza” nei confronti delle notizie che ci colpiscono, quali quella del doppio suicidio programmato, di Bari. Salvatore De Salvo, 64 anni e Antonia Azzolini, si sono uccisi perché “senza lavoro, soli e senza una prospettiva”. Gli stoici, a proposito del suicidio, sostenevano che non vada visto, in particolari ottiche, come una forzatura del corso degli eventi, quanto piuttosto il contrario: se l'uscita dalla vita non viene vissuta come una fuga, ma come un'uscita intelligente (éulogos exogè), essa non può che esser valutata come il completamento di quel cammino di ogni uomo verso l’approfondimento e la completa realizzazione del sé. Sono, in ultima analisi, spiegate le morti autoinflittesi per essere d'esempio a qualcuno o per la salvezza della patria. Il suicidio stoico è valutato come un atto di massima emancipazione dell’individuo specifico. Tipico di un uomo che è pervenuto a un livello tale di conoscenza e d'imperturbabilità da fare sì che egli si possa concedere il diritto di un suicidio "ben ponderato". Dobbiamo considerare come tale il suicidio avvenuto a Bari? La coppia aveva ottenuto un alloggio in un centro per anziani autosufficienti, ma può bastare questo? Evidentemente no, visto che i coniugi hanno deciso di trascorrere assieme un’ultima “vacanza” presso l’hotel “Sette mari” (dove hanno realmente passato i giorni dal 3 al 7 gennaio) e quindi di scendere dalla giostra dell’esistenza. Ma hanno deciso di farlo separati, forse per non vedere, ciascuno la morte dell’altro, difatti Salvatore è uscito dall’albergo e il suo corpo è stato ritrovato all’alba dell’8 gennaio, mentre gli addetti dell’hotel hanno ritrovato nella sua stanza Antonia, morta credibilmente per l’assunzione di barbiturici.
Da Roma, Carlo Malinconico si sottrae dalla giostra delle calunnie (gratuite o meno), e sostiene di non avere “mai fatto favori ai personaggi coinvolti”, pur se, con una sorta, se vogliamo, di “suicidio politico”, decide di dare le dimissioni dal suo incarico “allo scopo di salvaguardare la credibilità e l’efficacia dell’azione del Governo”. "La moglie di Cesare dev'essere al di sopra di ogni sospetto". (Plutarco, Cesare, 10;). L’Italia politica sembra sorprenderci con un barlume di recuperata dignità.
Angelo Balducci, ex braccio destro di Guido Bertolaso alla Protezione civile e l’imprenditore Piscicelli, pare si fossero preoccupati di provvedere al soggiorno di Malinconico all’hotel “Pellicano” nel 2008. 19.876 euro. Una cifra che, divisa per dodici (un anno di lavoro, poniamo), da uno stipendio di circa 1600 euro, pari a quello di un insegnante, ossia uno di quelli che non ha ricevuto e non riceverà scatti stipendiali perché l’economia italiana lo esige e l’uomo medio deve sacrificarsi. Difatti, per gli insegnanti della scuola, lo stop degli scatti di anzianità fino a tutto il 2012 (previsto dalla manovra finanziaria), comporterà un mancato incremento stipendiale medio di 2mila euro lordi. Stiamo parlando di circa 200mila docenti che avrebbero dovuto usufruire del cosiddetto passaggio di “gradone”e invece restano ai piedi delle scale. Ma, che saranno poi? Tremila euro lordi a testa in meno in un anno? Quattro soldi se si  pensa che una bella vacanza “regalata” vale ventimila euro. In quindici, venti giorni.
Divario. Divario. Divario.
Dicevo: non siamo più capaci di dare un peso, una valenza, a questa sofferenza tangibile e diffusa che ci circonda. Al numero di immigrati che, di continuo, affoga in mare o riesce a sbarcare a Lampedusa (e quindi viene in qualche modo assorbito dalla nostra società, in gran parte dalla malavita organizzata), al (ristretto) numero di quanti hanno sperato in una vincita alla lotteria Nazionale in cui, già dall'anno scorso c’è stato un crollo delle vendite e che, ovviamente, sono restati delusi. Pochi biglietti acquistati, sì, colpa della crisi economica che non concede più agli italiani, il sogno della fortuna facile? Vorremmo crederlo: italiani più realisti. Se non fosse che tanti soldi vengono spesi per i “gratta e vinci” ed il lotto, dove impera quel “numero ritardatario” così sponsorizzato alla faccia della matematica e del calcolo delle probabilità che, chiarisce, sempre 1/90 sia la possibilità che esca un numero. Tanto per far crescere l’ignoranza della gente comune. Troppi contrasti economici, fatti di una Italia di gente che fa la fila per i saldi di fine stagione, nel Quadrilatero della moda milanese e nel Tridente romano, ma davanti ai negozi di lusso e alle grandi marche (che offrono per la prima volta sconti consistenti, tagliando i prezzi anche del 40%), laddove, se le cose peggiorano, ci sarà chi farà la fila davanti al negozio del pane.  Esagero? E’ una esasperazione del divario? Non sembra: chi si dimette per i ventimila euro di una vacanza all’hotel Pellicano di Porto Ercole nell’Argentario e chi si dimette dalla vita dopo una vacanza presso l’hotel “Sette mari” durata dal 3 al 7 gennaio e terminata con un solitario addio ad una esistenza che non offre speranze. Triste che i due abbiano, inoltre, deciso di suicidarsi da soli, neanche la mano nella mano.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento