username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Cecilia Bertacche

in archivio dal 30 mar 2007

07 novembre 1954, Imola (BO)

segni particolari:
Malinconia vitale?

mi descrivo così:
Una viaggiatrice dell'anima una curiosa del mondo, un reporter del nulla, una collezionista di mostri, una raccontafiabe, un raccontatore.

14 aprile 2007

Nulla

Non lasceremo nulla di noi dentro la stanza
né scarpe sui davanzali della mente
ti sento presto batterai all'uscio
hai fretta di andare sepellire nel luogo nascosto
i semi brucianti del nostro assoluto
scioglimi non vedi sussulto
ferita non riesco più a muovere il cuore farfalla
trafitta doloroso trofeo vedi
sono fiume gonfio di pena estranea al tuo mondo
sorda immobile senza rimedio
pietrificata dal tocco del nulla lo sguardo dolente
dolorante icona tra  i giorni le ore gli oggetti le stanze
amori e gesti sospesi falò di paure
trascino indifesa e colpevole pensanti collane
anima morta fino all'orlo del pozzo
burattino ubriaco porto questa paura
cilicio tagliente legata al veliero fantasma
sacrifico il cuore perché cessino i venti

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento