username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Emilia Filocamo

in archivio dal 18 feb 2011

13 febbraio 1977, Pompei

segni particolari:
Ars longa, vita brevis.

mi descrivo così:
Scrivere è tutta la mia vita. Wolfskin, in uscita nel 2014, è il film tratto dalla mia fantasy novel. Diretto da un giovane regista americano di horror e thriller, è ambientato fra l'Abruzzo e Spoleto ed è il  primo capitolo di una saga di streghe e licantropi. 

03 luglio 2013 alle ore 13:28

A Michele. Cinque Cento Sessantadue

Nel giorno della tua morte nessuno
indossa i guanti o esibisce il nodo,
nera mostrina affacciata alla giacca,
tetra bocca di leone.Non c'è più tempo
per i cuscini con il collare delle preci
e dei nomi, cani ben profumati a ricordare
in quante cucce entrò il tuo spasmo, nè
per la viola palizzata dei fiori accostati
alla Chiesa. Dong dong.
Nel giorno della tua morte si ride; nei
vicoli i coni sono post it alle mani ed
i gusti, artificiose chiome dolciastre,
friniscono sciogliendosi, meduse
condannate all'arena bollente.
In questo santo giorno maledetto
in cui la distanza è un'orsa e bramisce
da Place Vendome alla Costa, i pollai
evaporano la maleodorante resina
dei rifiuti  e nella paglia ancora tiepida
sono posti mancanti in sala i buchi
dei tuorli a cui non andrà l'investitura
del pigolio. Ho conservato la foto in
cui compari dietro una bibita scura:
io ed i miei riccioli abbiamo quattro
anni per quattro candele, il mio  busto
è impacchettato nel maglione più caldo,
pappagallo ammaestrato a ripetere
nella lana il colore degli occhi.
Oggi, all'alba, eri già oltre ogni
cosa, sornione e beffardo, la cravatta
sottile adagiata da qualche parte,
l'ultimo sorriso a  Philippe. Buon viaggio,
vai in alto e all'ingresso della mammella
di questo luglio bastardo, stacca il tuo
biglietto.  Riposa. Io interrompo la
corrente al pensiero.  Nella borsa
hai già tutto? Pancia sciccosa di
Hermes con dentro le tue brave ossa.

Commenti
  • Luca Gamberini è un cantico di dolce dolore, il quale lascia trasparire che noi siamo, infine, ciò che rimane di noi negli altri.

    08 luglio 2013 alle ore 12:08


Accedi o registrati per lasciare un commento