username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 06 nov 2006

Giacomo Ciacciarelli

02 agosto 1955, Rieti - Italia

elementi per pagina
  • 12 luglio 2011 alle ore 22:16
    Oggetti smarriti

    Sei andata via
    e hai lasciato
    il piccolo mondo
    delle tue mattine.
    Il tuo rossetto
    dorme dimenticato.
    La crema per il viso
    è solo un barattolo.
    Ascolto Ravel.

     
  • 12 luglio 2011 alle ore 22:13
    Breve storia

    Solo il tempo
    di un saluto, un sorriso,
    eppure era già trascorsa
    un'estate,
    e rimanevano solo
    spiagge vuote,
    un mare senza senso,
    inutili voli di onde,
    e gente distratta,
    che non sapeva nulla,
    e a cui nulla importava.

     
  • 12 luglio 2011 alle ore 14:09
    Sai

    Sai donna mia,
    non conoscevo
    il tuo viso,
    ed eri già antica
    abitudine per me,
    intrigante nostalgia
    di ciò che doveva
    ancora accadere.

     
  • 12 luglio 2011 alle ore 14:07
    Lei sorride

    L'uomo amava
    il sorriso della donna,
    lo attendeva lungo
    le rive del giorno,
    lo immaginava tra
    le pieghe delle ore,
    lo scorgeva dietro i vetri,
    e cullandolo nella mente,
    lo portava con sè
    nella notte.

     
  • 15 ottobre 2010
    Mia onda

    Onda violenta,
    nuda natura,
    passione
    salmastra,
    poi, magico,
    il silenzio.

     
  • 15 ottobre 2010
    Mattino d'autunno

    Un sole mai immaginato,
    un cielo immenso,
    il cuore di una donna,
    e una strada che sale
    lungo i suoi desideri.

     
  • 15 ottobre 2010
    C'è stato un tempo

    C'è stato un tempo
    in cui eravamo felici
    per un gioco semplice,
    un pallone sgonfio
    calciato contro una siepe,
    un tappo che correva
    sul bordo sbrecciato
    di un marciapiede,
    un salto sopra fuochi
    che illuminavano la sera.

    Che resta di allora
    mi chiede mio figlio,
    lui che non conosce nulla
    di quei giochi svaniti.
    Niente gli dico, se non
    un bambino che non vuole
    morire e grida ancora
    e sempre nella mia anima.

     
  • 22 giugno 2010
    Baci

    Leggero il cielo
    stanotte.
    Mi porta le
    piccole voci
    di rossi fiori
    dormienti.
    Domani li avrò
    sulle labbra.

     
  • 22 giugno 2010
    A un'amica

    Dirò di te che sei
    come lino leggero,
    terso cielo bianco
    d'un giorno d'estate.

     

    Dirò di te che sei
    come umida seta,
    figlia amata e perfetta
    d'una sera d'autunno.

     
  • 22 giugno 2010
    Tuo

    Volo in un bicchiere
    come libellula
    prigioniera,
    ma esser tuo,
    è dolcissimo
    esilio dal mondo.

     
  • 22 giugno 2010
    Amo

    Amo i tuoi dubbi
    ed i tuoi si solitari,
    amo i tuoi sguardi
    oltre i veli d'ombra,
    amo le labbra silenti
    e una diversa allegria,
    che sa di lune affidate
    alle tue bianche mani.

     
  • 22 giugno 2010
    Confessione

    Ti dirò di un uomo innamorato,
    di un'anima distesa sulle rive
    dei tuoi candidi fianchi di donna.

     

    Ti dirò di quante notti colorate
    dai fuochi della sua passione,
    e dei giorni in attesa di un sogno.

     
  • 22 giugno 2010
    Figlio lontano

    Il mio piccolo uomo
    è lontano,
    corre lungo le pianure
    del nord,
    inseguito da un’anima
    insonne,
    amato dal sangue
    delle mie vene.

     
  • 05 giugno 2008
    Veglia

    Dorme una luna
    indolente,
    una stella rompe
    gli indugi.

     
  • 05 giugno 2008
    Il freddo dentro

    Cadono i miei sguardi
    come fossero foglie,
    cadono le mie parole
    come fossero neve.

     

    L'autunno, l'inverno,
    il freddo dentro,
    la pioggia dintorno,
    e tu che mi chiami.

     
  • 05 giugno 2008
    Inattesa

    Ecco il canto

    della tua

    presenza
    tra le pareti

    dei miei
    nudi inverni.


    E tutto diviene

    possibile,
    tutto prende

    colori diversi,
    la noia dei giorni

    perduti,
    l'agonia dei minuti

    sprecati,
    oggi diviene

    solo ricordo,
    una spina

    di pallida rosa.

     
  • 05 giugno 2008
    Rimpianto

    Ti lascio un piccolo rimpianto,
    disse la voce della donna,
    ma fu il lamento dei suoi occhi
    a uccidere il mio cuore.

     
  • 05 giugno 2008
    Il segreto

    Tu, mio caldo tumulto dell'anima,
    tenero segreto perduto nei riflessi
    dei miei cento occhi ammalati di te,
    intenso profumo di sogni perfetti,
    tu, energia che nasce dalla vita,
    tu, illusione di questo mio tempo.

     
  • 18 aprile 2008
    Il tuo nome

    Piove,

     

    una goccia scivola
    lungo le dita.

     

    La guardo,

     

    la chiamo per nome,
    il tuo.

     
  • 18 aprile 2008
    Rimpianto

    Ti lascio un piccolo rimpianto,
    disse la voce della donna,
    ma fu il lamento dei suoi occhi
    a uccidere il mio cuore.

     
  • 04 marzo 2008
    I destini del buio

    Notte ancora, notte sugli scarni rosari
    delle donne del borgo,
    notte quieta, sui brevi sogni dei ragazzi
    delle strade di pietra,
    una notte d'insolita tregua per chi
    giace sotto i cartoni,
    e ore di luna per chi lega il suo cuore
    ai destini del buio.

     
  • 27 dicembre 2007
    Vivo di te

    Ogni cosa di te
    mi viaggia accanto,
    mi accompagna
    come carezza del vento,
    come raggio di luce,
    come suono d'intorno,
    sei voce che mi parla,
    l'eco dei miei pensieri.

    Ti vivo così,
    nell'aria che respiro,
    nella pioggia che mi bagna,
    nel freddo delle mattine,
    nel caldo delle mie stanze,
    ti vivo se parlo con la gente,
    se ascolto il silenzio
    delle mie notti.

    Vivo di te i sorrisi muti,
    gli sguardi sorpresi,
    gli occhi allegri,
    gli istanti di meraviglia,
    vivo di te le labbra morbide,
    il ventre ansimante,
    i respiri affannati
    dell'abbandono.

    Vivo di te ogni cosa,
    ogni cosa voglio per me.

     
  • 27 dicembre 2007
    Per te

    Per te ho inventato fiori
    dove la terra era arida,
    ho scalato le tue rabbie,
    amato cieli di tempesta.

    Per te piego le mie spalle
    con otri di vino della luna,
    ne bevo per saziare la sete,
    fino a inebriarne l'anima.

    Per te viaggio come sabbia
    trascinata da vento del sud,
    e porto lontano i pensieri,

     
  • 02 ottobre 2007
    Nuovo desiderio

    Cerco particolari di te
    in angoli dell'anima,
    poi irrompi d'improvviso,
    sei nuovo desiderio.

     
  • 02 ottobre 2007
    Sommessamente

    Osservo la vita camminare
    sotto gli alberi delle mia via,
    ascolto il sommesso brusio
    di giorni uguali tra loro,
    mi perdo in occhi che ridono
    lungo il viaggio delle stagioni,
    e mi affido alle mani leggere
    di donne amate dal tempo.