username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Giuseppe Lissandrello

in archivio dal 21 ott 2012

15 settembre 1972, Siracusa - Italia

segni particolari:
acuto osservatore della realtà conoscitore dell'animo umano studioso delle saggezze psicologo-psicoterapeuta, studioso dei sistemi complessi in ambito psicosociale, cultore della Mindfulness e del Tantra, esperto in tecniche di rilassamento bioenergetiche. Credente in Dio.

mi descrivo così:
cerco nella mia scritura di svelare i piccoli segreti nascosti che fanno unica la specie umana

23 ottobre 2012 alle ore 7:27

L'eredità del suonatore di campane

di Giuseppe Lissandrello

editore: Melino Nerella Edizioni

pagine: 120

prezzo: 8,50 €

Acquista `L'eredità del suonatore di campane `!Acquista!

Giuseppe Lissandrello Psicologo, Psicoterapeuta Cognitivo, cambia pelle e si cala nei panni di un narratore capace e competente. Scrive un romanzo ambientato negli anni Settanta,  in una  Sicilia che  sembra non aver risentito dell’emancipazione femminile che caratterizza quel determinato periodo storico. Turi ‘U sunaturi donnaiolo d\'altri tempi soprannominato \"sunaturi ri campani\" generoso ma irresponsabile, muore mentre fa l’amore con una donna del suo paese.
La peculiare interpretazione dell’erotismo da parte del protagonista e il singolare fascino che esercitava sulle donne  (nessuna “femmina” turista o indigena che fosse, resisteva  al suo fascino) creano una nuova figura, un Don Giovanni siciliano  tanto atipico quanto originale.
Con spirito “Pirandelliano”, l’autore punta dritto il dito verso la maschera che ogni uomo porta. Stile ironico, passioni intense e autentiche emozioni, evidenziano un esperimento di scrittura ben riuscito, infatti, l’autore,  nonostante la mascolina sessualità espressa all’interno del racconto, non si esprime mai in modo volgare, mentre i riferimenti  psicologici, come il disadattamento sociale, la rielaborazione del lutto, i miti, le debolezze umane si mostrano in modo palese, invitando così il lettore a fare attente e adeguate riflessioni.
Il volume di Giuseppe Lissandrello è un lavoro di pregevole fattura tecnica, ma anche di notevole carica emotiva.

recensione di Enza Iozzia

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento