username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Viola Bernardini

in archivio dal 26 ott 2010

07 dicembre 1983, San Benedetto Del Tronto (AP)

26 ottobre 2010

Niente di piu, niente di meno

Niente di più, niente di meno
che vedo la luna lassù
stridere di pallido amore e rabbia,
tracciando abissi marini.
Crescono le onde, gli orizzonti lassù,
e mentre la luna li culla materna
scaglia le frecce, incalza i viandanti
tumula ricordi estivi e fuggenti
di maggi, tornanti, sabbie e passanti.
Silenzi profondi la luna nasconde,
ci gioca, li salta, li lancia lassù,
raggiungono gli astri dai rossi legacci
le braccia tendono al tempo rimesso.
L’avorio del cielo si veste di nero,
le perle dei denti di ombre lontane
richiamano dal mare rottami di stelle,
cavalli schiumosi cavalcano feroci
su ossa di sassi,detriti di topi.
I venti di fuga lambiscono leggeri
fiamme di acqua, unti vapori,
la luna li sfida e scende dal trono
d’un cielo che ora è così prono
su finti santuari, fasulle preghiere.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento