username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

William Butler Yeats

in archivio dal 08 gen 2004

1865, Sandymouth, Dublino

1939, Roquebrune S.M., Francia

segni particolari:
Sono il promotore del Rinascimento celtico ma anche il premio Nobel per la letteratura del 1923.

mi descrivo così:
Sono uno dei più amati del Novecento per la mia capacità di creare straordinari mondi di immagini simboliche dai profondi significati mistici, alchemici, teosofici.

04 aprile 2006

Pasqua 1916

Li ho incontrati al cadere del giorno
Mentre ritornavano animati in viso
Da banchi di negozi o scrittoi tra grige
Case del diciottesirno secolo.
Sono passato con un cenno del capo
O cortesi parole senza senso,
O mi sono soffermato un momento e ho detto
Cortesi parole senza senso,
E pensato prima d'andarmene
Alla storiella beffarda o al sarcasmo
Con cui s'intrattiene un amico
Intorno al fuoco al circolo,
Certo che essi e io
Vivevamo soltanto ove s'indossa la casacca del buffone:
Tutti mutati, interamente mutati.
Una bellezza terribile è nata.

I giorni di quella donna erano spesi
In ottuso buon volere,
Le sue serate in discussioni
Fin che la voce si faceva striduta.
Quale voce più dolce della sua
Quando, giovane e bella,
Cavalcava dietro la muta?
Quest'uomo aveva tenuto una scuola
E cavalcava il nostro cavallo alato;
Quest'altro suo aiutante e amico
Stava toccando l'ora del vigore;
Avrebbe potuto venire in fama alla fine,
Tanto sensibile appariva la sua natura,
Audace e dolce il suo pensiero.
Quest'altro avevo creduto
Un borioso villico ubbriaco.
Aveva fatto sanguinoso torto
A persone vicine al mio cuore,
L'annovero tuttavia nel mio canto;
Anch'egli ha rinunciato alla sua parte
Nega commedia del caso;
Anch'egli è stato alla sua volta mutato,
Interamente trasformato:
Una bellezza terribile è nata.

Cuori con un proposito solo
Tutta l'estate e l'inverno paiono
Fatti come per incanto pietra
Che turba il fiume vivente.
Il cavallo che viene dalla strada,
Il cavaliere, gli uccelli che spaziano
Da nube a trascorrente nube,
Mutano di minuto in minuto;
Un'ombra di nube sul fiume
Muta di minuto in minuto;
Uno zoccolo di cavallo scivola sull'argine,
E un cavallo diguazza nell'acqua;
Le galline dalle lunghe gambe si tuffano,
E lanciano richiamo ai galli di brughiera;
Di minuto in minuto essi vivono
La pietra è in mezzo a ogni cosa.

Un troppo lungo sacrificio
Può fare pietra del cuore.
Oh, quando basterà?
Questo compete al Cielo, a noi compete
Di mormorare nome su nome,
Come una madre nomina il figliuolo
Quando il sonno è infine disceso
Su membra pur ora irrequiete.
E' altra cosa dal calare della notte?
No, no, non notte ma morte;
E fu inutile morte, alla fine?
Perché, per quanto si faccia e si dica,
L'Inghilterra può tener fede alle promesse.
Noi conosciamo il loro sogno; basta
Sapere che sognarono e son morti;
E che importa se eccesso d'amore
Li sconvolse fin che morirono?
Lo scrivo in rima:
MacDonagh e MacBride
E Connolly e Pearse
Ora e nel tempo avvenire,
Ovunque s'indossi il verde,
Sono mutati, interatnente mutati:
Una bellezza terribile è nata.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento