username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alberto Mazzoni

in archivio dal 16 gen 2009

03 settembre 1935, Roma - Italia

segni particolari:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta, tromba!

mi descrivo così:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta,tromba!

10 settembre alle ore 10:36

Amori di mamme

Intro: Nulla al mondo di più grande!

Il racconto

“Anna posso venire a casa tua?” “Certamente è successo qualcosa di spiacevole? “Diciamo di particolare, aprimi la porta per favore.” “Allora ti vuoi spiegare finalmente?” “Il problema sono i miei figli Pietro e Paolo; visto che avevano sempre le occhiaie e dimagrivano a vista d’occhio li ho portati dal medico, sentenza: stì zozzoni si sparano troppe seghe!” “Scusami ma come potrei aiutarti?” “E qui vien fuori…” “Forse sto cominciando a capire ma, ovviamente sono molto perplessa, forse pensi che io… “Penso, cara Anna, penso che questi due imbecilli mi diventano tubercolosi se non la smettono, questo è il verdetto del medico Arena, sono disperata, non so come farli smettere!” Giovanna aveva cominciato a piangere e istintivamente aveva preso a baciare in bocca l’amica Anna. “Giovanna ho una gran confusione in testa, non so che altro dirti, io ti voglio bene, vediamo cosa si potrà fare.” Anna rimasta solo si era rifugiata nel letto, a occhi chiusi pensava ad uno scenario futuro, prima di tutto quel bacio in bocca della sua amica, non era mai successo e poi ai due ragazzi lei, quarantenne, li aveva visti prima nascere e poi crescere, gli voleva bene ma ad avere dei rapporti con loro, non ci si vedeva proprio a far da ‘nave scuola’ ai due cucciolotti sedicenni, forse l’avevano troppo piccolo o si sarebbero vergognati di….con la zia Anna, uffa, Giovanna l’aveva proprio messa in crisi, se ne accorse Alberto, suo marito titolare di una grande panetteria in via Garibaldi a Messina.  Alberto, come tutti i panettieri,  per motivi di lavoro si alzava ogni mattina alle quattro, il pomeriggio si riposava e la sera di nuovo al lavoro.  Alberto ed Anna erano una coppia particolare, erano cresciuti praticamente insieme nello steso stabile in via Colapesce, avevano avuto le prime esperienze sessuali fra di loro e, mentre Alberto durante il servizio militare aveva ‘conosciuto’ altre femminucce, Anna solo il marito. Avevano promesso, prima di sposarsi, di essere assolutamente sinceri fra di loro, promessa che allo stato attuale per Anna era difficile da mantenere per ovvi motivi. “Anna ti vedo strana, problemi?” “Ho capito, quando ti sentirai di parlarmene sarai tu a decidere.”A mezzogiorno squillò il telefono a casa di Giovanna: “Anna dimmi tutto.” “Ora te la fai con le femminucce, auguri!” Era Giacomo l’ex marito da cui  dieci anni prima aveva divorziato, motivo, incompatibilità di carattere ma la natura non era stata amica di Giovanna che dichiarata sterile dai medici e risposatasi con Alessandro, cassiere alla Banca d’Italia, era rimasta vedova con i due gemelli, la telefonata di Giacomo l’aveva riportata indietro negli anni in modo per lei spiacevole. “Ho da fare, che ti serve?” “Che ne dici di farti una visitina, so che sei rimasta vedova, forse un po’ di compagnia… “ “Mi stai scocciando, dimmi il motivo per cui mi hai telefonato, tu non hai mai fatto nulla senza un tuo interesse, allora?” ”Mi hanno riferito che i tuoi due ‘pischelli’, li chiamo alla romana perché sono romani, tu e tuo marito li avete adottati, tu non ne puoi avere mentre io con mia moglie inglese, cattolica integrale ma piena di sterline, in sei anni abbiamo tre bambocci, tu sei fortunata puoi andare con chi vuoi senza problemi. Che ne diresti di una sveltina con me? Ricordo che eri piuttosto bravina…” “Maledetto, se per caso spargi la voce che i miei figli sono adottivi ti troverai con gambe e braccia rotte, stronzo.” Così finì la conversazione di Giovanna con Giacomo, conversazione che lasciò una Giovanna distrutta nel morale, una mattinata iniziata male e finita peggio. Stavolta Anna non tenne conto della promessa fatta a suo marito di essere completamente sinceri fra di loro, come confessare che si sarebbe fatta sc…re da due ragazzi, un conto avere la mente aperta ma  questo caso era estremamente particolare per usare un eufemismo. Pensò che la cosa migliore fosse confidarsi con Anna, fra donne ci si capisce meglio e poi era interessata alla faccenda. Alla fine della confessione Anna restò ad occhi spalancati, novità da film, Anna si beccò altro bacio in bocca stavolta corrisposto, per lei era un segno di consolazione. Il sabato i ragazzi non avevano scuola, Alberto more solito al lavoro, alle sette Pietro e Paolo erano già in fibrillazione, a sedici anni il primo  rapporto sessuale è estremamente eccitante. Telefonata: “Anna questi non li tengo più, che mi dici?” ”Mandameli uno per volta, io provvedo a mettere della gomma americana sullo spioncino della vecchiaccia che abita davanti al mio appartamento, non voglio che…” I due avevano fatto pari e dispari per sorteggiare chi doveva essere il primo: vinse Pietro e in pigiama e pantofole scese di un piano e si infilò in casa di Anna. “Zia, non so che dirti, non ho dormito tutta la notte, non vedevo l’ora…” “Calmati, l’ora è giunta, vedo che già sei in posizione, fatti il bidet. “Mi sono lavato due volte!” e tirò fuori dal pigiama un coso niente affatto piccolo che sorprese Anna che si era spalmata la cosina e quindi il ragazzo entrò alla grande ed alla grande in pochi secondi inondò la vagina della ‘zia’. Pietro rimase male ma rimase dentro e cominciò ad andare avanti ed indietro a lungo sin quando sentì il suo coso schizzare per la seconda volta lo sperma all’interno della vagina di Anna che in verità gradì la cosa, suo marito era meno efficiente. Paolo impaziente dietro la porta di casa sua, nel vedere il fratello ritornare si catapultò per le scale e vista la zia nuda l’abbracciò forte baciandola in bocca. “Caro mi fai male, le femminucce vanno trattate con dolcezza!” “Zia, un mio amico mi ha confessato che le ragazze talvolta si mettono il coso maschile in bocca:” Ma guarda cosa va a pensare stò zozzone. “Va bene, andiamo sul letto.” Anche Paolo ebbe un orgasmo immediato nella bocca di Anna che andò in bagno a lavarsi. “Ora vieni dentro la zia, è lubrificata ma vai piano lo stesso, tutti e due i fratelli avete un coso più grosso del normale.” Solito schizzo sul collo dell’utero ancora gradito da Anna e poi la pace dopo la tempesta. Alberto non era uno sprovveduto, capì che bolliva in pentola qualcosa di nuovo e di anormale, guardando negli occhi la moglie la pregò di dirgli tutta la verità. “Non vorrei che ne rimanessi scioccato e fosse la fine del nostro matrimonio.” “Io sono peggio di una zecca, non ti lascerei mai qualsiasi cosa tu abbia commesso, vai col racconto.” “Pian piano che gli avvenimenti vennero alla luce Alberto, con la pipa in bocca, pian piano cercava di rendersi conto della situazione quasi dovesse centellinare i singoli fatti e vedere in fantasia il  comportamento dei vari personaggi, più che altro si meravigliò di Anna, lui non era un puritano anzi aveva sempre dileggiato i gelosi ma essere diventato becco per ‘merito’ di due ragazzi…”Cara il film è finito e gli spettatori tornano a casa o meglio a letto, domani è domenica e me la voglio gustare sino a mezzogiorno, bacino…” A proposito di baci Anna aveva omesso di parlare di quelli ricevuti da Giovanna che in un certo senso le erano piaciuti, un segreto che voleva tener per sé. Fu lei a portare il caffè a letto al marito già sveglio. “Cara hai dormito bene, io una bomba ero proprio stanco, se per caso c’è qualcosa pure per il maritino io son qua.” Anna accontentò Alberto con quello che più lui desiderava, il popò e riuscì anche ad avere un orgasmo con la vagina.” “Vedo che sei in forma, pensi di andare ancora con quei due ragazzi? Va bene, il problema è tuo, penso di aver capito le motivazioni tue e quelle di Giovanna, a proposito della quale…Niente, dato che è sarta volevo farmi cucire uno strappo dai miei pantaloni.” Bugiardo matricolato voleva si farsi toccare i pantaloni ma dalla parte della patta! E così Alberto cominciò a sognare quella donna che gli passava sempre davanti senza poterla avvicinare da vicino…Una mattina, ragazzi a scuola squilla il telefono di Giovanna. “Anna sei tu?” “Stavolta è Anno mia cara, forse preferivi mia moglie ma sono io, mi piacerebbe un po’ parlare con te.” “Parliamo di qualsiasi argomento, va bene l’immortalità dell’anima?” Giovanna cercava di svicolare mettendola sull’umorismo, aveva capito dove voleva arrivare Alberto che fesso non era ed anche piuttosto belloccio. “Io tendo ad essere più terreno, preferisco l’al di qua all’al di là.” “Pensi che possiamo finirla con le schermaglie, tu hai saputo dei rapporti dei miei ragazzi con tua moglie e vuoi rifarti.” “Messa così mi sembra una cosa squallida, mi sei sempre piaciuta molto ma non voleva cambiare gli equilibri della nostra amicizia ma a questo punto vorrei del ‘becchime’ anche io.” “Carina questa similitudine da pollaio, pensi di informare la tua gentile consorte oppure…” “La mia gentile consorte s’è sbafato due giovani galletti che l’avranno sicuramente fatta godere, teniamoci i nostri piccoli segreti che non fanno male a nessuno, se sei d’accordo domattina, usciti i ragazzi, verrò a farti una visita. “ Chi tace acconsente e così l’Albertone pimpante ed arrapato alle nove si presentò a casa di Giovanna che non si era fatta trovare impreparata, in baby doll senza la parte di sotto, profumata e sorridente abbracciò un Alberto già in posizione che fece dire alla signora: “Dove vuoi andare col quel coso, mai visto uno tanto grande e grosso, vacci pianino, per favore.” Dopo i primi ahi ahi iniziali il coso grosso andò in profondità per poi ritirarsi a metà vagina, di colpo Giovanna provò un orgasmo talmente forte da farla vibrare molto a lungo e fortemente, alla fine rimase senza forze. Appena ripresasi “Non son riuscita a capire come hai fatto, io non ho molta esperienza con i maschietti ma tu…A proposito con tua moglie?” “Poverina che la vogliamo lasciare solo a fare la badante sessuale agli imberbi, anche lei se la gode alla grande.” Anna non aveva mai fatto accenno a quell’orgasmo specialità di suo marito, forse per gelosia o per altri motivi, glielo avrebbe chiesto. La situazione si evolveva come previsto con qualche variazioni: il sabato i due ragazzi si erano presentati insieme ad una Anna sorpresa, proprio non se l’aspettava dover soddisfare i due fringuelli arrapati, ci pensò un attimo a poi decise: Pietro sotto col ‘ciccio’ in erezione da infilare nel suo popò, Paolo sopra di lei dentro la ‘vogliosa’, un trenino apprezzato da tutti e tre molto a lungo, poi “Ragazzi basta, i miei buchini se la son goduta ma ora mi fanno male, a sabato!” Malvolentieri i due giovani levarono le tende e furono raggiunti a casa di Anna dalla mamma. “Andate a casa devo sistemare alcune cose con lei.”Ormai non c’era bisogna di parlare fra di loro. I ragazzi presero a ‘frequentare’ meno la zia, motivo: avevano incontrato due coetanee che volentieri  offrivano i loro servigi. Anna e Giovanna curiosissime andarono all’uscita della scuola per conoscere le due baby  in verità carine ed un po’ snob: “Queste sono nostra madre e nostra zia.” “I vostri gioielli sono in buone mani, arrivederci!”La due puttanelle avevano uno sfottò senso delle humor poi da sole con i due ragazzi: “Sono due p.p.c.” “Tradotto vuol dire per copia conforme?” La Domanda di Pietro. “No pronte per crisantemi!” e giù a ridere. Quella risposta poco educata non fu riportata a mamma e zia, in fondo i ragazzi erano molto affezionate a loro, erano state brave ed affettuose maestre di sesso. Oggi giorno che passava Anna e Giovanna erano più sole e si facevano compagnia in casa, anche Alberto ‘svicolava’ con una cliente più giovane della consorte. Conclusione i baci fra di loro diventarono più frequenti e portarono a rapporti più profondi sessualmente, bacini bacioni anche sulle tette e sui fiorellini, Anna aveva trovato fra le cose di Alberto un vibratore con cui era riuscita a provare ed a far provare alla sua amica ed a lei stessa le sensazioni favolose  del punto G., potevano far a meno dei maschietti!
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento