username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alberto Mazzoni

in archivio dal 16 gen 2009

03 settembre 1935, Roma - Italia

segni particolari:
Fisico da anziano, spirito da ventenne.

mi descrivo così:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta,tromba!

05 giugno alle ore 10:52

NIHIL SUB SOLE NOVUM

Il racconto

“Signora se suo figlio seguita a masturbarsi ogni giorno finirà per diventare tubercoloso, me l’ha confessato lui stesso che qualche volta lo fa due volte al giorno!” “Non è mio figlio!” “Non ha importanza, il fatto resta.” Piero era nato dal matrimonio fra Concetto e Tiziana la quale era morta di tumore alle ovaie, Matilde la seconda moglie molto desiderata dai maschietti aveva scelto di sposare Concetto per motivi venali, proveniva da famiglia disastrata finanziariamente, era stanca di continue rinunzie e di vedere le sue amiche surclassarla nel campo del’eleganza. Il giudizio del dottor Tinelli era stata riportato da Matilde al marito Concetto che era caduto seduto su una poltrona del salotto di casa completamente scioccato, considerava suo figlio Piero la luce dei suoi occhi, l’unico ricordo della defunta moglie alla quale il giovane assomigliava senza essere un  effeminato anzi…”Cara che mi consigli, a scuola non va bene al contrario degli  anni passati, quest’anno deve sostenete gli esami di licenza liceale, sicuramente sarà bocciato, ero a conoscenza del suo problema sessuale per avermelo rivelato lui stesso, ho provato a presentargli delle prostitute, niente da fare gli fanno schifo…” “Caro devo confessarti una cosa come dire molto particolare, Piero ha tentato con me una mattina di domenica mentre tu eri a caccia, si è presentato dinanzi a me nudo con tanto di…coso duro, ce l’ha proprio grosso rispetto al tuo, non voglio far paragoni ma…” Quella rivelazione di Matilde aveva sconvolto Concetto che si rifugiò in bagno e ci rimase sino all’ora del pranzo. A tavola atmosfera cupa, nessuno aveva voglia di parlare, i tre finirono il pasto in silenzio. La cameriera Gina aveva sparecchiato e lavato i piatti in silenzio, la ‘fantesca’ non si rendeva conto del perché i tre fossero tanto tristi al contrario del solito. La notte successiva Matilde provò a stuzzicare sessualmente il marito senza risultati. Il lunedì Concetto insegnante di materie letterarie al liceo Cavour non si recò a scuola, si fece prescrivere sei giorni di riposo dal medico di famiglia e si rifugiò in biblioteca. Ragionò sulla situazione creatasi: suo figlio da poco era maggiorenne, essendo studente e quindi non avendo un reddito personale doveva restare nella  casa paterna, l’unica soluzione…”Cara forse sono impazzito ma penso che tu debba sacrificarti sempre che te la senta…” Inaspettatamente: “Per me va bene i problemi sono tuoi e di tuo figlio, penso di guadagnarci….” L’affermazione di Matilde era un severo giudizio sulle prestazioni sessuali di Concetto, ci mancava solo questo. “Stasera a cena brindiamo con lo champagne ed una torta gelato, tu cerca di sorridere quando io e Piero andremo in camera sua, d’accordo?” Concetto riuscì a sorridere a denti stretti, si alzò per primo dalla tavola, si recò nella camera matrimoniale per la prima volta da solo immaginando…Immaginò giusto, Piero in camera sua sfoderò un ‘siluro’ spettacolare, Matilde si improvvisò nave scuola per il giovane, prima si fece baciare la bocca, poi le tette ed infine il clitoride con un orgasmo lunghissimo e profondo, il passaggio nella fica fu l’apoteosi finale con tanto di altro fortissimo orgasmo tanto da preoccupare Piero. “Non è che ti senti male!” “Avrei voluto sentirmi così con tuo padre, quale male ora però una promessa da parte tua, il mio ‘fiorellino’ sarà a disposizione tua due volte alla settimana ma devi impegnarti a studiare e soprattutto a superare gli esami di maturità.” Matilde era rifiorita, passava molto tempo per le vie principali di Roma a rinnovare il vestiario. Era ringiovanita ma in fondo si sentiva colpevole, Concetto sembrava di colpo invecchiato. La sera a tavola: Stasera il mio fiorellino sarà a disposizione del legittimo padrone, Concetto non fare quella faccia, ho trovato  una soluzione, ho acquistato in farmacia il ‘Levitra’, diventerai un gran mandrillo per tutta la notte!” Piero non apprezzò la nuova situazione ma comprese che ormai doveva dividere con papi la ‘cose buone’ di Matilde. La soluzione con l’uso di quel farmaco superò ogni aspettativa, addirittura Concetto iniziò a portare a casa delle studentesse maggiorenni scarse nello studio ma deliziosamente brave a letto. Veronique era  l’ultima arrivata al liceo Cavour quale insegnante di lingue, la dama di nazionalità francese era giunonica ma molto femminile. Concetto pensò di conquistare la demoiselle ma non volle scontentare moglie e figlio, tutti e quattro a cena al ristorante ‘Golosità’. Non fu una buona idea, Veronica rimase affascinata dal giovane Piero, un colpo di fulmine, all’uscita dal locale prese sotto braccio il giovane e: “Cari  ho deciso di rientrare in Francia, mi manca molto la mia villa, una sorpresa per voi, se è d’accordo l’interessato porterò con me Piero, una breve vacanza, potrà tornare a Roma quando vuole.” Piero fu sorpreso ma felicissimo non così Concetto e Matilde che fecero buon viso a cattivo gioco quando il rampollo acconsentì entusiasta di recarsi nella terra dei cugini francesi. Marito e moglie non vollero accompagnare i due a Fiumicino, avevano un peso nel cuore, fu chiamato un taxi il cui conducente caricò nel bagagliaio le valigie dei due. Ultima battuta di Piero: “Fate i bravi, vi telefonerò tutti i giorni.” Dopo due ore l’aereo dell’Air France atterrò all’aeroporto di Orly. Una Citroen Ds 21 il taxi che li prese a bordo. L’autista sentendo l’indirizzo dove doveva condurre i due clienti si rivolse con ossequio alla signora con la speranza in una mancia sostanziosa. “Madame si vous voulez je peux aller plus vite.” “D’accord.” La Citroen divenne una Ferrari! “La  villa dove dimoro porta il mio nome, un ultimo regalo di mio marito.” “È morto?” “Forse per lui sarebbe stato meglio, sono divorziata, il mio avvocato (buon amico…) è riuscito in tribunale a strappargli metà del suo patrimonio piuttosto ingente e così mi godo la vita. Ho molti cani animali che amo molto, sono tutti di razza Beagle non ti spaventare quando siamo in villa, sono buonissimi ed affettuosi, farete subito amicizia.” Un biglietto da cento €uro fece diventare ancora più servizievole l’autista del taxi che scaricò i bagagli dei due circondato dai cani festanti. “Questi sono Fernand, Louise ed il loro figlio Marcel i miei collaboratori, abitano nella dependance  sono sempre disponibili per qualsiasi bisogno, spero ti piaccia la cucina francese.” “Penso che amerò di più una francese in carne ed ossa che non vedo l’ora di…ammirare da vicino.”  “Ho in testa qualcosa di sensazionale per festeggiare il nostro arrivo, spero che tu non sia puritano né geloso come il mio ex marito, con me la gelosia non paga!” Louise informata dell’arrivo della padrona via telefono si era fatta onore in cucina  ma Piero aveva altro per la testa. “Cara m’è venuto un sonno ma un sonno…”  “Capito il messaggio, tutto rimandato a dopo la festa di dopodomani, resterai con la bocca aperta e con gli occhi di fuori!” Il sonno tardava a venire, Piero aveva altri pensieri per la testa o mglio uno solo…” Il giorno seguente una noia…i cani seguivano Piero nel suo girovagare nel grande giardino molto ben tenuto, c’erano anche alberi di alto fusto statue di uomini e donne nudi, una grande vasca con pesci tropicali. Piero aveva notato  un  gran movimento al primo piano, Louise e Veronique verosimilmente stavano preparando la sceneggiatura per la festa del giorno dopo, un pasto ed una cena frugali, la padrona di casa era molto impegnata, stessa solfa per il pranzo. Alle quindici cominciarono ad arrivare le auto, tutte di lusso,  gli invitati uomini e donne eleganti e rumorosi si aspettavano qualcosa di particolare da parte di Veronique. Il grande salone pian piano si era riempito di invitati, qualcuno prese a sgranocchiare pasticcini e ad assaggiare lo champagne Dom Perignon. Al suono della canzone ‘nove settimane e mezzo’ irradiata dagli altoparlanti apparve Veronique…uno schianto. La dama indossava un baby doll azzurro con le tette ben visibili e la parte inferiore che metteva in bella mostra una ‘foresta nera’  che arrivava sino all’ombelico, nulla a che fare col colore dei capelli biondo miele. Applausi a non finire, la padrona di casa ancora una volta aveva stupito gli amici. Veronique assaggiò appena lo champagne e prese la scala per rientrare nella sua stanza, dopo poco alcuni amici maschi la seguirono. Piero era indeciso cosa fare anche lui si recò al primo piano, entrò nella stanza della padrona di casa che era già molto impegnata con i maschi i quali si erano divisi le varie parti del corpo di Veronique: chi il viso, chi le tette, i più fortunati il fiorellino, alcuni i piedi peraltro bellissimi e ben curati. Lo spettacolo peraltro inaspettato lasciò basito Piero che rientrò nel salone, aveva compreso la frase di Veronique: “Con me la gelosia deve essere messa da parte.”  Della servitù nemmeno l’ombra, i tre dovevano essere abituati alle sceneggiate della loro padrona e si erano ritirati nella loro abitazione. A mezzanotte la festa finì, gli invitati ripresero le loro auto e lasciarono la villa soddisfatti soprattutto quei maschietti che avevano usufruito delle grazie della padrona di casa. La notte niente sonno, Piero era ancora frastornato della sceneggiata erotica di Veronique, aveva compreso il concetto espresso dalla padrona di casa che la gelosia non doveva far parte delle qualità dei suoi ‘amici’ ma non riusciva a condividerlo. Veronique si recò in cucina per la colazione, sopraggiunse Piero con il viso aggrottato e stanco. “Dovrei essere io ad essere…” “Vorrei che mi accompagnassi all’aeroporto, voglio ritornare a Roma.” Un fulmine a ciel sereno, Vernique sbiancò in viso, si stava innamorando del giovane italiano, non le era mai successo di amare qualcuno, sinora solo sesso e quella  decisione di Piero…Lacrime sgorgarono dagli occhi verdi della padrona di casa, che correndo si rifugiò nella sua camera da letto. Intervenne Louise: “Noi siamo molto affezionati alla signora, non vogliamo che soffra, ci spieghi cosa è successo.” Piero riferì che aveva semplicemente chiesto di essere accompagnato all’aeroporto per ritornare in Italia. “Come tutti gli uomini lei non si è reso conto dei sentimenti di madame Veronique, ripensi alla sua decisione, non se ne pentirà.” La domestica era riuscita a far sentir colpevole Piero che decise di ripensare al ritorno a Roma, si recò nella camera di Veronique, si stese sul letto vicino a lei ancora in lacrime e…”Cara ho deciso che…” Non riuscì a finire la frase che si trovò la bocca francobollata da quella di lei, quando riuscì a parlare la castellana: “Mi fai felice, chiedimi tutto quello che vuoi.” Veronique aveva ripreso a piangere, stavolta lacrime di gioia seguite  da un amplesso favoloso. Il bussare discreto alla porta della camera da letto di Veronique fece tornare alla realtà i due amanti. “Signora sono le sedici…” “Cara prepara la cena, io e Piero siamo un po’ stanchi e affamati.” La vita di Piero al castello era diventata quella del principe consorte: mangiare, bere, grandi passeggiate nel parco. L’’italiano aveva fatto amicizia con un cane, il più vecchio del branco, l’animale  lo seguiva dappertutto, lo chiamò Ras. Una scoperta: il giardino era molto più ampio di quanto Piero immaginasse, ad un certo punto si trovò in un labirinto di cespugli fu difficile uscirne fuori, fu Ras che lo condusse sulla ‘retta via’, si meritò tante carezze. Allora tutto bene? Non tanto, padre e madre non rispondevano più al telefono, da informazioni assunte dal Consolato italiano apprese che erano ambedue deceduti. Il sesso come tutte le cose belle cominciava a scemare fra i due, Piero prese  a ragionare sul suo futuro, Veronique aveva vent’anni più di lui che sarebbe successo alla sua morte, poteva saltar fuori qualche parente francese a rivendicare l’eredità, ne parlò con Veronique la quale: “Caro non ci avevo pensato,unica soluzione il matrimonio. La futura sposa incaricò un’agenzia per approntare tutto il carteggio utile per la cerimonia, testimoni furono  Louise e Fernando, nessun invitato dei vecchi amici…sarebbe stato imbarazzante. La morte del vecchio Ras fu un dolore  per Piero, non  volle sostituirlo con un altro cane, da quel momento si sentì più solo, tumulò il corpo dell’animale in una aiuola del parco. Veronique era stata da sempre contraria a frequentare medici e ad assumere medicine, male gliene incolse, un cancro ai polmoni. Sistemata nella tomba di famiglia il corpo della moglie, Piero decise di non rimanere in Francia, stava invecchiando, la nostalgia lo convinse a ritornare a Roma. Telefonò a Gigetto il portinaio di via Nomentana annunciandogli il suo arrivo nella capitale e chiedendogli di sistemargli  l’alloggio dei suoi genitori rimasto vuoto, anche se finanziariamente poteva permetterselo non volle cambiare casa. Dinanzi ad un notaio aveva stilato una delega a Louise ed a Fernando quali custodi dei beni della defunta. Grandi abbracci con loro e col loro figlio e poi una mattina presto  Piero con la Bugatti Veyron della defunta consorte o meglio del suo ex marito prese la via che conduceva a Roma, Ci vollero dieci ore con una sosta in un autogrill per arrivare in via Nomentana. Gigetto avvisato al telefono si fece trovare dinanzi al portone. “Sei dimagrito, quanti anni hai…” “Gigi , sono arrivato a cinquanta, sono stanco voglio solo mangiare ed andare a dormire.”  Nel frattempo si era presentata una ragazza bruna, alta, sorridente, uno schianto. “Questa è Berta mia nipote, è venuta a Roma per studiare all’Università.” Piero :”Il nome Deve essere il patronimico di Adalberto.” “No Adalberto è il padre, mio fratello, non il patromimico…” “Non ci faccia caso, quando vuole potremo parlare.” “Appuntamento per domani.” Morfeo prese fra le sue spire Piero sino alla mattina seguente quando Piero ben ritemprato si alzò andò in cucina per fare colazione, era già  pronta, ci aveva pensato Gigetto, la divorò. Saziato andò in bagno, doccia ristoratrice e poi rasatura. Senetì sbattere la porta d’ingresso. “Gigi sono in bagno, finisco e poi vengo da te.” Non era Gigi quello che si affacciò alla porta della toilette. “Era di suo gradimento la colazione?” Scena muta del padrone di casa dinanzi Berta in minigonna. I loro sguardi si incrociarono “Non si vergogni, per la sua età è ancora in piena forma da quello che vedo, a me non piacciono i giovani che dopo una sveltina mi lasciano insoddisfatta, con i più anziani…” Una vera e propria dichiarazione di disponibilità. “Piero fece lo gnorri. “Non dovevi essere all’Università?” “Oggi è domenica.” Piero aveva capito che era in ballo, pian piano si vestì e: “Ho capito che sei una anticonformista, mi va bene, se sei brava in arte culinaria potresti prepararmi anche da mangiare sempre che tu lo desideri.” “Affare fatto, tutto gratis et amor dei.” I due rimasero nell’appartamento sino a dopo cena quando sfilarono davanti ad un Gigetto basito. “Zio faccio visitare a Piero Roma di notte, tu vai a riposarti.” “Piero è nato a Roma e la conosce benissimo!” “Si ma non conosce me!” Tradotto: fatti i fatti tuoi.  Era soprattutto la Bugatti che aveva attirato  l’attenzione di Berta, un  chiaro indice di ricchezza. Dopo un breve giro per Roma i due rientrarono in casa di Piero, Gigetto era andato a dormire. “Mi ospiti per la notte?” Domanda superflua, Piero doveva fare i conti con un  lungo digiuno sessuale. Berta molto disinvoltamente si spogliò nuda in camera da letto, si posizionò sul bidet, tornò in camera con un asciugamanino fra le gambe “Lavati anche tu e poi raggiungimi.” Più che un invito un ordine cui Piero aderì magno gusto per tutta la notte. Gigetto era della vecchia guardia, dovette accettare la liaison della nipote , capì che era tutta una questione di soldi, anche per lui il denaro era importante. Piero accompagnava Berta all’Università ed andava anche a riprenderla al ritorno, era diventato geloso della giovane amante circondata da giovani prestanti, si era innamorato della ragazza. Per legare ancor più a sé la ragazza volle sposarla, stesso sistema della defunta consorte, nihil sub sole novum.
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento