username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alberto Mazzoni

in archivio dal 16 gen 2009

03 settembre 1935, Roma - Italia

segni particolari:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta, tromba!

mi descrivo così:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta,tromba!

24 maggio alle ore 16:34

SEI PERSEO?

Il racconto

Avere un nome fuori del comune può essere interessante ma chiamarsi Perseo per un ragazzo voleva dire che molto probabilmente i genitori avevano dovuto accontentare qualche avo benestante ma poi esporre il pargolo al ‘vituperio delle genti’ di dantesca memoria. Perseo studente di primo liceo classico, sempre polemico e soprattutto ‘moquer’, durante una lezione di storia domandò ad Oddo,  professore di materie letterarie cosa facessero così lontano da casa loro,  a Canne, i Cartaginesi con al comando Annibale  invece di godersi le soleggiate spiagge del nord Africa  popolate di belle donne o di robusti maschioni a seconda dei gusti personali; avevano traversato le Alpi con  poveri elefanti infreddoliti per poi venire in Italia a buscarne dai Romani. Perseo ritenne anche di omaggiare i compagni di classe ed il professore con un episodio riguardante quella battaglia in cui risultava il suo nome: “Alla fine dello  scontro, morti e feriti dappertutto, un soldato romano, uno dei pochi rimasto illeso cercava un suo compagno girando nel campo di battaglia: “Sei Perseo? Sei Perseo? Sei Perseo?” Nessuna risposta, gli interpellati erano tutti morti, solo uno dava segni di vita alla domanda: “Sei Perseo?” Una risposta inaspettata “Trentaseo!” Risate dei compagni di scuola ma non del professore: “Pensi di essere spiritoso? Ti farò passare la voglia, vieni  vicino alla cattedra, vediamo se sei preparato?” Alberto era il ‘frutto’ di un ginecologo, Rolando e di una ex modella, Cristiana che aveva aperto una boutique a Jesi in quel di Ancona. Di intelligenza e di memoria superiore alla media il giovane si limitava a seguire le lezioni dei professori per evitare di studiare a casa; nell’interrogazione fece un’ottima figura con lo scorno di Oddo che fu costretto ad ‘omaggiarlo’ di un otto. A proposito dell’insegnate, già col quel nome fuori del comune era abbastanza ridicolo se poi ci si aggiungeva la sua figura scheletrica, il naso lungo come pure i piedi era una macchietta. A detta del bidello Procolo, sempre informatissimo sui fatti di tutti i componenti la scuola, i genitori l’avevano fatto operare alle orecchie che il poveraccio aveva a sventola, insomma uno scherzo della natura che però l’aveva ricompensato con una intelligenza fuori del comune,  aveva  vinto tutti i concorsi in cui si era presentato. Ritornando al bidello, il significato del nome Procolo è: ‘nato quando il padre era lontano da casa’ il che poteva far malignare sul comportamento sessuale della genitrice…Oddo il cui significato di origine tedesca vuol dire ‘proprietario’, era veramente possidente di vari terreni a Cupramontana vicino a Jesi,  pure di quella località era la consorte Dalida che fisicamente non aveva nulla in comune col marito: alta, longilinea, bella di viso, genitrice di Serilda che per sua fortuna non assomigliava al padre. Dalida era il nome della gentile e disponibile consorte; come l’omonimo personaggio della Bibbia era piena di fascino, amante del denaro, anche un po’ diabolica, per lei valeva il detto marchigiano: ‘ Se te sposi ‘na donna vella te tocca a fa la sentinella.’ Hermes protettore di Perseo, dopo una notte passata in compagnia di Croco era di buon umore. Notato il suo protetto in giornata negativa pensò e mise in atto una delle sue: far conoscere a Perseo Serilda che era iscritta alla quinta ginnasiale nell’istituto dove insegnava suo padre il quale, spinto da chissà quale spirito maligno aveva ‘omaggiato’ la sua discendente di un nome perlomeno inusitato il cui significato è ‘fanciulla  battagliera.’ In fondo non aveva commesso un errore, la ragazza di altezza media aveva un corpo robusto, sembrava una palestrata anche se la baby non aveva mai frequentato una sala da ginnastica. Un incontro molto particolare, Perseo durante gli intervalli talvolta frequentava i locali di pertinenza del bidello per fumare in santa pax qualche sigaretta sottratta al  genitore, parimenti di Serilda che aveva lo stesso vizietto. Fecero amicizia, la giovane raccontò che sino alla terza media era stata in un collegio di suore di cui non aveva un buon ricordo. Oddo non vedeva di buon occhio quell’amicizia ma dovette arrendesi dinanzi alla risolutezza della figlia: “Non facciamo nulla di male, Perseo è un ragazzo intelligente e fisicamente non è male.” Proprio quella era la paterna paura, Serilda aveva solo sedici anni ed a qualche sua coetanea, a scuola, era accaduto qualcosa di …non adatto alla sua età! Perseo venne a conoscenza delle vicissitudini della ragazza: una volta per una forte infreddatura si era sentita male ed era stata ricoverata all’infermeria della scuola, verdetto del medico: ‘broncopolmonite basale sinistra’, cura: iniezioni di antibiotico ogni otto ore. Infermiera della scuola una ragazza svedese, Lucia classica bionda con occhi azzurri  eseguiva il suo compito con molta diligenza, dopol’iniezione massaggiava a lungo il sedere di Serilda talvolta andando fuori del…seminato ossia sul fiorellino, sulle tette ed infine baciandola in bocca, una lesbica a cui la studentessa non aveva avuto il coraggio di opporsi ma quell’esperienza non era stata di suo gradimento, lei era sicuramente etero anche se non aveva avuto esperienze con un …coso maschile. Un giorno Perseo capì che il ‘frutto’ era maturo  ed anche per l’assenza in classe del professore di materie letterarie condusse Serilda a casa sua, in via S.Martino dove la ragazza, un po’ spaventata prese visione per la prima volta di un ‘marruggio’, per dirla alla contadina, che la mise ‘in pensiero’ paragonando il calibro alla sua ‘piccolina’. Alberto fu intelligente glielo mise solo in mano con l’ovvio finale di uno zampillo latteo. Anche mammina Dalida aveva problemi in quel campo. Stanca dei volenterosi e robusti figli di contadini voleva provare qualcosa di ‘meno grezzo’ e chiese al marito di potersi fare visitare da un ginecologo, chi meglio di Rolando padre di Perseo? “Gentile signora lei ha la vagina molto infiammata, usi questi ovuli che le prescrivo e dica a suo marito di ‘andarci piano!” Ma quale marito, Oddo era quello di una al mese quando andava bene, anche quella era poco soddisfacente per la signora ma le qualità ‘argentee’ del consorte la inducevano ad accontentarsi in quel campo. Dopo quindici giorni Dalida si ripresentò dal professor Rolando che: “Finalmente signora tutto a posto!” “Che ne dice di provarmelo, non vorrei che…” Dalida  voleva la prova subito, Rolando chiuse la porta d’ingresso dello studio a chiave e provò, a lungo che la sua diagnosi era stata esatta. “Dopo circa mezz’ora: “Professore che ne dici di altra visita fra una settimana?” Rolando piuttosto esausto: “Facciamo quindici giorni, ho molto lavoro!” Cristiana aveva avuto molto successo con una sfilata di modelli maschili ad Ancona, successo per lei più piacevole perché aveva conosciuto un modello di nazionalità francese, molto raffinato che con quella sua erre moscia l’aveva conquistata. “Caro questa sera resto ad Ancona, devo prendere accordi con dei clienti stranieri che domani debbono ripartire.” “Va bene cara, divertiti!” Rolando era a conoscenza delle scappatelle della consorte, lui la ripagava di ugual moneta ed erano ambedue ben contenti di essere una coppia aperta. Niente di nuovo sotto il sole, nei secoli la storia si era ripetuta e così: ‘Passa un giorno, passa l’altro Alberto imitò il prode Anselmo ma al posto di mettersi l’elmo incappucciò il suo uccellone con un condom al fine di evitare non graditi imprevisti, Serilda al massimo dell’eccitazione non ebbe molti problemi e da quel momento…vai alla grande! Chi aveva problemi era invece suo padre Rolando ossessionato sempre più dalle richieste sessuali di Dalida, allo stremo delle forze e della pazienza pensò ad un escamotage: assunse una infermiera anziana che era presente ad ogni visita a Dalida la quale, capita l’antifona ritornò ai rapporti con giovani e gagliardi campagnoli. Dall’alto dell’Olimpo Hermes contemplava lo spettacolo dei cinque con compiacenza da guardone,  anche lui aveva partecipato in parte alla loro felicità.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento