username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Alberto Mazzoni

in archivio dal 16 gen 2009

03 settembre 1935, Roma - Italia

segni particolari:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta, tromba!

mi descrivo così:
Sono nonnobomba che mangia, beve e, talvolta,tromba!

20 ottobre 2018 alle ore 9:24

UNA FAMIGLIA PARTICOLARE

Il racconto

“Siamo a Fiumicino, mia cara tra poco prenderemo un tassì per Roma.” Elettra Guerra aveva annunziato il loro arrivo nella capitale italiana alla sua compagna Grace Taylor ed alla di lei figlia Alison Taylor. “Prima di passare dalla Dogana recuperiamo i nostri bagagli.” “Niente da dichiarare?” Consueta domanda di un finanziere, tale Cristian Roncaccioli che controllò anche i passaporti, constatò che Grace ed Alison avevano lo stesso cognome, mancava quello del padre… All’interno del bagaglio di Elettra, Cristian rinvenne un tubo di plastica lungo un cinquantina di centimetri gonfiato  e con una circonferenza di tre centimetri, lo prese in mano e: “Signore di che si tratta?” “È un giocattolo di mia figlia.” “Penso che lo sia delle due signore…” Il finanziere si era sbilanciato ed aveva provocato l’ira di Elettra: ”Non abbiamo merce di contrabbando né droga e nemmeno armi, il suo intervento non è accettabile, farò rapporto ai suoi superiori.” Nel frattempo era intervenuto il capo posto della Finanza brigadiere Leonardo Sciarra: “Cristian che sta succedendo?” Gli rispose Elettra: “Questo signore, si fa per dire, sta facendo degli apprezzamenti poco simpatici su di me e sulla mia compagna, intervenga lei che penso sia superiore di grado.” All’orecchio di Leonardo: “Queste sono due lesbiche e quella è la figlia di una…” “A te che minchia interessa, ti possono far passare dei guai e potresti trovarti in una brigata sperduta della Sardegna, sparisci, sistemo tutto io.” “Signore le mie scuse, posso darvi una mano?” “Si, ci chiami in tassì.” Andando verso il posteggio Elettra guardò meglio in brigadiere, sorridente, belloccio ed anche disponibile, (aveva preso  il bagaglio di Alison.) Grace:”Voglio ricompensare la sua gentilezza, le scrivo il numero del mio telefonino e l’indirizzo di casa mia, quando sarà libero dal servizio  potrà venire per un pranzo, immodestamente le dico che sono una brava cuoca.” Leonardo ricambiò fornendo il numero del suo cellulare. Quell’episodio non fu più presente nella memoria del brigadiere preso da servizi sempre più fitti per mancanza di personale con la conseguenza che non telefonò a quella signora inglese la quale però, avendo un buon ricordo di quel Leo in divisa: “Sono Grace Taylor, brigadiere si è perso, non si è fatto più vivo…” “Mi crede se dico che sono stato molto impegnato in servizio sia perché, essendo luglio, molti colleghi sono in licenza ed anche per mancanza cronica di personale, domenica prossima sarò finalmente libero.” “Noi abitiamo in via Marsala 23, lo aspettiamo per le dieci.”  Leonardo era alloggiato in via dell’Olmata non molto lontano dalla casa delle signore, passando dinanzi ad un rivenditore di fiori suo conoscente: “Brigadié sti fiori per chi sono? Le dò delle rose rosse per la sua fidanzata?” “No, sono stato invitato a pranzo da due signore.” “Allora vanno bene le rose bianche, beato lei che è giovane!” Evidentemente il fioraio aveva malignato sul fatto che Leo andasse a trovare due signore…La due dame si erano messe in ghingheri compresa Alison e fecero molta festa al brigadiere che era stato tanto gentile. “Noi siamo abituate a desinare più presto dei romani, per le dodici e trenta va bene?” “Sinceramente ho fatto una prima colazione  col solo caffè…” Elettra: “Sediamoci in salotto, questa casa è di 140 metri quadrati come le costruivano una volta, l’ho ereditata da mia madre da poco deceduta, siamo state fortunate, a Roma, qui al centro, ci sono prezzi incredibili di affitto. Per conoscerci un po’ le dico che abitavamo a Londra dove io insegnavo italiano e Grace era impiegata al Ministero degli Esteri; per sua fortuna e con l’aiuto di un’amica è stata trasferita all’Ambasciata inglese qui a Roma, io ho agganci al Ministero dell’Istruzione, mi hanno promesso un posto di insegnante di lingue, oltre all’inglese conosco pure il tedesco per aver avuto sin da piccola una badante di tale lingua, la qui presente signorina Alison  sarà iscritta, come suo desiderio, alla quinta ginnasiale e di lei cosa ci dice?” “Ho conseguito il diploma di liceo classico, sono nato a Roma ma, per motivi di lavoro di mio padre, funzionario di banca, ho vissuto vari anni a Jesi in quel di Ancona. Mi sono arruolato sedici anni addietro nella Guardia di Finanza, dopo tre duri anni di confine sono andato alla Scuola Sottufficiali ad Ostia e poi alla Compagnia di Fiumicino, la piccola Alison che ci dice?” “Non sono la piccola Alison ho quattordici anni, quasi quindici.” La ragazza di era subito dimostrata dal carattere ‘pungente’. “Chiedo scusa signorina, potrei essere suo padre per questo…” “Io non ho padre ma due madri che mi vogliono e si vogliono bene, siamo una famiglia particolare.” La baby aveva idee ben chiare sul genere della sua famiglia, evidentemente in Inghilterra c’era minor conformismo il che fece piacere a Leonardo, aveva sempre combattuto contro i parrucconi del pensiero. “Mi sono espresso male, mi riferivo all’età, ho venti anni più di te.” “Io preferisco gli uomini maturi, i miei coetanei in Inghilterra erano molto infantili e viziati, almeno nell’ambiente che frequentavo io, con lei anzi con te potrei farci un pensierino!” Risata generale, Grace: “Non ci faccia caso, mia figlia è così, penso che potremo darci del tu, io ed Elettra andiamo in cucina, Alison non saltare addosso a Leonardo!” La mamma si beccò delle boccacce da parte dell’erede che lei non vide perché di spalle. “Vorrei accendere la TV ma, tranne qualche raro programma, ci sono solo cattive notizie che sicuramente anche tu avrai notato, solo la notte, mentre le signore dormono, mi vedo dei film piccanti nel senso che…”Ho capito, mi vien da dirte che forse non sono adatti a…” “Ecco un altro parruccone, ti avevo giudicato meglio.” “Facciamo un gioco, ci guardiamo negli occhi, il primo dei due che ride paga pegno.” Leonardo restò serio, Alison barò e rise, “Adesso voglio pagare il pegno, si alzò dalla poltrona e baciò Leonardo in bocca. “Ti rendi conto…” “Non mi fare pure tu il puritano, mia madre e mia zia sono lesbiche e si sono sposate a Londra, vuoi sapere altro?” “Per oggi ho fatto il pieno di tante novità, non so che altro dirti, in Italia le ragazze della tua età sono un po’ diverse.” “Va bene, mi comporterò meglio, un giorno quando avrai voglia… voglio vedere il tuo uccello duro, i miei compagnia di classe ce l’avevano troppo piccolo!” Leonardo pensò bene si allontanarsi da quella…furia scatenata e si rifugiò in cucina. “Che buon odore, cosa di buono cucinano la signore?”  “Pasta alla amatriciana, pollo alla cacciatora e tanti contorni, come vedi niente di speciale.” “Speciali sono le cuoche nel senso della culinaria!” La signore risero forte tanto da indurre Alison ad entrare in cucina. “Devi essere tanto spiritoso da far ridere loro due ma non illuderti per te non c’è ‘trippa pè gatti’ come dice in questo casi Elettra!” Alla fine del pranzo: “Dopo mangiato di solito fumo la pipa, non vorrei dar fastidio a voi tutte.” In ogni caso non alla signorina, talvolta mi è capitato di sentire odore di tabacco sui suoi vestiti anche se si mette in bocca delle mentine per non farsi accorgere che fuma.” Ultima provocazione da parte di Alison: “Leonardo mi fai provare la pipa?” “E tu mi fai provare a sculacciarti, penso che tu ne abbia bisogno.” “Allora posso abbassarmi gli slip o preferisci sculacciarmi con le mutandine?” Stavolta Alison capì di aver esagerato e sparì dalla circolazione. Grace: “Sei sposato, fidanzato, hai figli?” “Uh! la mia ragazza mi ha cornificato immaginate con chi? Col mio migliore amico, forse è stato meglio, meglio prima che dopo sposati.” Elettra cambiò discorso e: “Siamo impegnate fino a tardi per il nostro lavoro e quindi costrette ad iscrivere Alison ad una scuola che la trattenga sino alle sedici, c’è un collegio di suore abbastanza vicino.” E così fu, Alison fu costretta ad indossare il costume della scuola ed a moderare il suo linguaggio.  Una domenica in cui era stato invitato a pranzo Leonardo alla sua richiesta: “Raccontaci qualcosa del collegio dove vai.” “Niente di particolare, per me lo studio non è un problema, per quanto riguarda i pettegolezzi posso dirvi che ci sono due giovani monache lesbiche e che il padre confessore è l’amante della superiora alla quale ho chiesto di non farmi partecipare alle cerimonie religiose, non ha potuto dirmi di no altrimenti…” I tre erano distesi ad ascoltare il linguaggio illuminante della baby, la mamma si era spesso domandato se la presenza di un padre avrebbe cambiato sua figlia ma sui gusti sessuali non si discute. Una mattina di sabato Leo era libero dal servizio è telefonò: “Sono Leonardo, so che di sabato non lavorate, che ne direste di ospitarmi a mangiare?” “Sei sempre il benvenuto, fra l’altro potremo stare un po’ in pace per la mancanza della signorina rompi balle, vieni subito.” Era agosto, Leonardo si presentò in maniche di camicia ed in pantaloncini corti. “Scusate il mio vestiario ma dovendo stare tutto il giorno in divisa, quando son libero dal servizio…” Dopo pranzo: “Sai che è buono il profumo della tua pipa, è piacevolmente aromatico.” Elettra si era buttata sul corpo di Alberto per capire come si fumava la pipa, forse troppo vicino perché il ‘ciccio’ di Leonardo alzò la cresta ed uscì dai pantaloncini.  Leo: ”Scusate signore io non volevo ma…” “Non ti preoccupare, io ed Elettra abbiamo discusso sulla tua persona, ci piaci molto, sei differente dagli altri uomini sciocchi e brutali se sei d’accordo…” “Leonardo di colpo si trovò col suo ‘cosone’ in bocca ad Elettra ed a Grace che lo baciava in bocca con la conseguenza che, causa il lungo suo digiuno, Elettra si trovò la bocca ‘inondata’  e non poter far altro che ingoiare e:”Sai che ha un bel sapore, non lo immaginavo.” Fu poi la volta dei due fiorellini ed alla fine un abbraccio generale a tre. ”Sei stato il primo uomo che abbiamo conosciuto intimamente, sei di nostro gusto. Ti ricordi quell’episodio in cui sei intervenuto all’aeroporto di Fiumicino? Ebbene quel figlio di cane del tuo finanziere aveva capito che quel coso che aveva trovato nella mia valigia era un aggeggio che noi mettiamo in vagina per aver un orgasmo. Che ne dici di una doccia a tre?” “Si ma senza conseguenze sessuali, ho già dato!”  Leonardo aveva chiesto al Comandante della Compagnia, capitano Felice di Bella compagno di corso di suo fratello Alfredo,  se fosse possibile essere libero un giorno della settimana di sua scelta, sacrificandosi anche a fare servizio per più notti. “Va bene brigadiere darò ordini in tal senso al maresciallo scrivano, c’è qualche marito… Sto scherzando, le faccio tanti auguri ed attento che i ‘cocu’, hanno un sesto senso e potrebbero ritornare a casa senza avvisare!” Invece di un marito cornuto la sorpresa la fece Alison che, subodorato che ci fosse qualcosa fra i tre, un sabato fece finta di andare a scuola ma si nascose sotto il suo letto. Leonardo si presentò pimpante e vogliosissimo, le signore si erano già preparate e così iniziò una ‘pugna’ al dio biondo. Alison, appostata dietro la porta della camera da letto delle signore, ebbe la conferma di quanto immaginato percependo dei suoni gutturali di piacere. Decise di uscire di casa e di ripresentarsi  suonando il campanello. “Sono Alison, sono uscita prima, aprimi il portone.” Il trio si era ricomposto fisicamente e faceva finta di parlare del più e del meno. “Ho un forte mal di pancia, vado a letto.”Alison fece una delle sue solite diavolerie, telefonò a Leonardo:”Ti aspetto a casa venerdì mattina, vi ho sentito da dietro la porta quando vi sollazzavate alla grande, voglio la mia parte non puoi dirmi di no.” Leo,  freddamente, cercò di fare il punto della situazione: ogni settimana sarebbe stato impegnato alternativamente con le signore e con la signorina, sperava che non sorgessero problemi. La notte prima del primo venerdì, Leo dormì poco, che sarebbe successo se le due signore avessero scoperto e non accettato il suo ‘legame’ con Alison, in caso di uno scandalo addio carriera e trasferimento immediato. Solo la mattina si addormentò e fu svegliato dal suono del cellulare. “Dover sei ?” Leo sfoderò la prima scusa che gli passò per la testa: “Ho bucato ed ho avuto difficoltà a trovare un gommista, non ci so fare con gli attrezzi che i costruttori di auto danno in dotazione per gonfiare una gomma bucata, sto venendo.” Alison lo vide dalla finestra, aprì la porta e si nascose dietro, Leo dentro casa non riusciva a rintracciarla, finalmente la baby si presentò al cospetto di Leo:  “Ti prego cara, ti ho spiegato che…” Leo si era interrotto, la ‘cara’ si era presentata nuda, uno spettacolo che tolse la parola al giovane brigadiere. “Mai vista una donna nuda?” “Donne si ma ragazzine...” “La ragazzina ti farà vedere i famosi sorci verdi, ti aspetto sul mio lettino, non voglio lasciar segni né profumi vari sul lettone delle signore. Qui ci sono dei preservativi, me li ha dati il figlio del farmacista qui sotto casa, mi ha promesso anche delle pillole anticoncezionali, tu non ci avevi pensato, dì la verità, ho sempre sostenuto che i  maschietti sono tutti un  po’ ‘tontoloni!” Dopo il primo orgasmo orale da parte di entrambi, Leo, a richiesta della parte ‘avversa’ si mise supino e dopo un’entrata un po’ difficile nella cosina di Alison, che emise anche qualche gridolino, la ragazza ‘cavalcante’ faceva su e giù col bacino poi roteandolo che fece dire a Leonardo: “Dove hai imparato, sembri una professionista!” ”Dai filmini notturni, niente di meglio di un film porno che peraltro mi fa arrapare e sono costretta a…” Alison avrebbe seguitato ma ebbe l’alto di Leonardo: “Cara sono spompato!” “Mi doveva capitare anche un amante spompato, ti offro un ‘VOV’ , conosci quel liquore a base di uova che dicono molto indicato per gli spompati!” Leo chiese ‘pietà’ con gli occhi, Alison capì che ‘la festa è finita, gli amici se ne vanno…’, qui c’era solo un amico ormai inutile alla pugna. Lo baciò in bocca come ringraziamento, gli venne in mente che avrebbe dovuto aspettare altri quattordici giorni, nel frattempo le due signore avrebbero goduto delle gioie sessuali provenienti dal  ‘ciccio’ di Leo. Elettra captò in casa il profumo di Leo, andò nella camera di Alison ed odorando le lenzuola ebbe la conferma del sospetto, comunicò la situazione a Grace senza commenti, c’era solo da domandarsi come comportarsi. La due signore presero la via più intelligente quella di far finta di niente e finì che ‘tutte sapevano di tutto’ come si dice in gergo. Fine della storia? Alison crescendo conobbe altri maschietti non tanto ‘tontoloni, e, divenuta maggiorenne, andò a vivere da sola in un mini appartamento ‘foraggiata’ anche dal figlio del farmacista. Grande soddisfazione da parte di Grace e di Elettra,  al sabato riprese imperante il trio. Il finale: Leonardo si molto affezionato alle due signore, talvolta dormiva anche a casa loro, sembravano dei vecchi coniugi con famiglia allargata situazione attualmente molto di moda. Alison iscritta all’università in psicologia ogni tanto veniva a far visita a casa di sua madre  anche per riscuotere denaro  dalle due signore, non era ancora finanziariamente indipendente ma sempre pungente: “Come si comporta il nonnetto, ancora efficiente? Sto scherzando mi fa piacere che andiate d’accordo cosa ad giorno d’oggi molto difficile, ci sono in giro più famiglie separate che unite, in fondo il tre è il numero perfetto se non ricordo male!
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento