username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Amos Oz

in archivio dal 03 feb 2011

04 maggio 1939, Gerusalemme

segni particolari:
Sono socialmente impegnato nella "soluzione dei due stati" del conflitto arabo-israeliano.

mi descrivo così:
Sono uno scrittore israeliano, anche docente universitario e giornalista. Tra gli intellettuali più stimati del mondo arabo.

03 febbraio 2011 alle ore 17:13

La vita fa rima con la morte

di Amos Oz

editore: Feltrinelli

pagine: 106

prezzo: 4,88 €

Acquista `La vita fa rima con la morte`!Acquista!

"La vita fa rima con la morte" è un romanzo corale. C'è l'autore sopra una scacchiera che guida i suoi pedoni, il cavallo, l'alfiere, la torre, la regina e il re.
E' la storia di tante persone, tutte legate da un filo sottile. L'importante, in un libro del genere, non è la trama della storia, ma quella fascinazione del narratore che ti avvolge completamente, nella descrizione caratteriale e psicologica dei suoi personaggi, che si riflette sulle loro azioni e sul loro modo di interpretare la vita.
Amos Oz è uno scrittore geniale e del tutto originale, sia nella forma che nel contenuto. Alla fine di questa piacevole storia di un centinaio di pagine, l'autore elenca tutti i personaggi che ne hanno fatto parte, come per dare a loro un tributo per essere vissuti in queste righe.
Non è solo la narrazione dello scrittore stesso, che parla di sé in terza persona, ma è anche la storia di tanti altri personaggi che il professore israeliano trafigge con la sua arguzia intellettuale, regalando alle vicende un registro che passa dal presente al condizionale continuamente. Un effetto talmente gradevole, da affezionarsi a tutti i protagonisti. Dalla cameriera Riki, che fa tanto eccitare lo scrittore seduto al bar, per la riga della sua mutandina che si intravede sopra la gonna; a Yuval Dahan Dotan: un giovane poeta infelice, che vorrebbe tanto incontrare lo scrittore dopo averlo ascoltato in un a conferenza alla "Casa della Cultura".
Un calderone di fatti, persone, proiezioni fantastiche, pensieri sulle persone e sulle situazioni. Un elastico tra una narrazione presente e surreale, che si incasella armoniosa come un mosaico riuscito bene.

recensione di Paolo Coiro

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento