username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Andrea De Flora

in archivio dal 17 apr 2021

PORTICI

mi descrivo così:
Ho pubblicato in molte raccolte poetiche, più volte menzionato ai concorsi letterari nazionali e internazionali.
Vincitore, menzionato e finalista nei concorsi di aforismi.

02 giugno 2021 alle ore 10:14

Mediterraneo

Sono sabbia nelle mani
di un trafficante
e profugo in viaggio
di un mare risaputo
che cela la sorte di corpi.
C’è un vascello o un porto che salvi?
Annegato e trascinato a riva
è l’immagine di un bimbo.
Confiniamo nelle paure
respingendo il Prossimo
in un’isola d’Europa.
Guerre lontane
prendono il mare breve della globalizzazione,
galleggiano in acque oscure e gelide,
impossibile contare le masse andate a fondo,
un disumano abisso tombale,
maree di reti pescano miserie umane
imprigionandole nelle stive
nel mar Mediterraneo.
Sono lenti moti continui i flussi di libertà,
nell’equa sfera celeste
governano
elevate onde anomale.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento