username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 29 lug 2014

Biagio Salmeri

05 maggio 1960, Catania - Italia
Segni particolari: Libri
E passano nebbiosi i bastimenti -Scheiwiller 1998
La via umida -Il Girasole 1999 pref. S.S. Nigro
Voci di sola andata -Lietocollelibri 2002 pref. M.Guzzi
L’esatta cubatura del vuoto -Manni 2002 pref. E. Pecora
La pace e il dissenso -Passigli 2007 pref. M. Cucchi
L’ombra chiara -press Passigli 2015
 
Mi descrivo così: Sono nato in casa, in una piccola via il cui nome racchiude simboli che mi hanno da sempre accompagnato e sospinto: Pozzo Mulino.La cagionevole salute infantile ha poi determinato i miei studi medici.L’adolescenza problematica l’infatuazione psicoanalitica.
Mi trovi anche su:

elementi per pagina
  • 29 luglio 2014 alle ore 14:07
    La storia

    La storia, così falsata, della mia piccola vita,
    ciò che è avvenuto, è stato, che è soggetto
    a letture essenzialmente faziose, accresce
    l'indice al margine di un libro in cui s'assottiglia
    e acquista pregio quella parte che resta, la pagina bianca.
    Il tempo, è vero, usa inchiostri indelebili,
    e fra continui ripensamenti sono pieno di errori, refusi, cancellature,
    eppure in quel futuro che scema verso la soglia sempre mi proietto
    e quand'anche intravedessi un ultimo spazio atto a contenere non più d'una riga
    sento che un solo periodo può dotare di senso interi capitoli
    di vuota ostentazione e futili pretese
    e noia.

     
  • 29 luglio 2014 alle ore 13:17
    A ottant'anni

    A ottant’anni
    iniziare a scrutarsi dentro
    è come scendere una scala lunghissima,
    dalla soffitta fino ai cantinati,
    udendo ignoti piedi già battere sul tetto,
    ed è strano che in basso sia tutto così chiaro
    e illuminato laddove in alto c’è quella luce a sprazzi
    di un neon quasi scarico che pulsa,
    e in quell’andare lento con le mani strette
    alla ringhiera, ora mi chiedo,
    io che l’accompagno, se mai una risalita
    seguirà la discesa, o se ai vecchi si alleggeriscono
    le ossa come agli uccelli per essere da terra
    pronti a volare.