username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Daniel Quinn

in archivio dal 09 feb 2015

11 ottobre 1935, Omaha - Stati Uniti

segni particolari:
Sono un convinto ambientalista e credo che per evitare il declino e salvarci dall'estinzione dobbiamo cambiare il nostro modo di vivere.

mi descrivo così:
Scrittore e critico culturale. Nei miei libri evidenzio le falsità scientifiche e le mitologie ingannevoli sulle quali si basa la nostra civiltà.

09 febbraio 2015 alle ore 13:14

Ishmael

di Daniel Quinn

editore: Il Saggiatore

pagine: 240

prezzo: 10.00 €

Acquista `Ishmael`!Acquista!

"Il problema dell'essere umano è che non sa come deve vivere".
"Ishmael", di Daniel Quinn, è un libro (ormai quasi introvabile, ma reperibile on-line) che suscita molte emozioni.

Va letto: perché guarda alle cose con occhi limpidi, senza patetico. E, in più, usa una scrittura semplice, capace di arrivare al dunque.
"Ishmael" parla del mondo, dell'ambiente, dell'Uomo. È dolorosamente attuale, nonostante gli anni trascorsi dalla sua prima edizione: avanziamo a passi spediti verso il baratro, figli del progresso, incapaci di fermarci, dice Quinn.
Madre Cultura ci ha mentito ("Vale di più un caffè con un amico che tutti i libri che ho letto nella mia vita", recitava il novello Cristo del film di Olmi, "Cento chiodi"),costringendoci in gabbie fatte di menzogne. Ci ha sradicati, consegnati al dio mercato. Ci ha voluti soli, sempre più incapaci di legami. Ha svilito ogni principio, eliminato il peso e il valore della saggezza antica; ha distrutto il nostro rapporto con la terra e, soprattutto, con le Leggi della Natura. Non è un caso che un testo come questo non verrà mai proposto tra i libri scolastici. Eppure avrebbe molto da insegnare ai ragazzi, senza avere la pretesa di proporre verità assolute. Come scriveva Albers, "Un buon insegnamento è più un dare giusti interrogativi che giuste risposte".
Questo libro, in più, non mente. E non mente il suo autore quando ci dice, a lettura finita, che quello, per lui, è molto di più che un romanzo. Leggetelo, scaricatelo da internet, inviatelo alle persone a cui volete bene. Fatelo girare, commentatelo, discutetene.

Quinn non è certo l'unico scrittore ad aver avuto uno sguardo lungo, capace di cogliere l'essenza di ciò che sta accadendo al mondo. Esiste un'ampia letteratura che si è occupata e si occupa di questioni simili; e molti film, cortometraggi, romanzi e saggi. Ma di Ishmael,e della sua "umanità", vi innamorerete come capita di rado, e solo con i grandi libri.

recensione di Tullia Bartolini

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento